Miss Italia 2012 e la ricerca della bellezza perfetta

di Mariella Commenta

È in corso in questi giorni Miss Italia 2012, il concorso di bellezza più amato dagli italiani che, oltre ad incoronare la più bella d’Italia, sarà anche un’occasione per la ricerca scientifica sulla bellezza perfetta, cioè dei canoni di bellezza universali, che non sono solo gambe slanciate e pancia piatta, ma un verso e proprio studio matematico. Saranno presenti professori e studiosi, fra cui Roberto Deli e Raoul D’Alessio docenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.

Patrizia Mirigliani, patron di Miss Italia, ha aperto le porte agli esperti che sottoporranno le concorrenti ad una particolare tecnica in 3D per studiare l’attrattività facciale, scoprire, in buona sostanza, quali siani i canoni di bellezza di viso e sorriso.

Intorno al concorso di bellezza più famoso in Italia, succede anche nel resto del mondo, ci sono sempre state molte polemiche. Le ragazze sono disposte a qualsiasi cosa pur di sfilare in passerella, dalle diete pericolose agli interventi chirurgi per eliminare questo o quel difetto, sognano di rifarsi già a 18 anni, per aiutare laddove la natura non è arrivata.

Le cose stanno, però, cambiando, per quietare le polemiche che ogni anno accompagnano il concorso, Patrizia Mirigliani ha apportato molte modifiche al concorso, così, a Miss Italia 2012 si ritornerà al costume intero, aboliti i provocanti bikini, bellezza, che fa rima con autostima, non significa esporre il proprio corso agli occhi di tutti, si può dimostrare di essere belle anche con un costume inteno, tornando in questo modo agli anni 50, quando l’ombelico era ancora una parte intima del corpo.

Ed ancora, la bellezza perfetta, deve essere naturale, per questo a Miss Italia sono rigorosamente vietati i ritocchini, niente chirurgia plastica, meno che meno i tatuaggi e, per la lotta contro l’anoressia, la magrezza a tutti i costi che ha effetti disastrosi sulla salute, Patrizia Mirigliani ha aperto le porte anche alla taglia 44.

La bellezza perfetta, dunque, si cerca anche fra le miss. C’è chi non considera affatto la matematica come chiave di lettura ideale per l’essenza stessa della bellezza, tra questi, il professor Mario Dini, specialista di Chirurgia Plastica ed Estetica a Firenze e Milano, che sottolinea quanto non sia affidabile la teoria che il viso perfetto sia quello “con uguale proporzione tra la fronte, il naso e la distanza tra il mento e la radice del naso”, come quello di Florence Colgate.

Se ne sono accorti anche pittori, scultori e chirurghi plastici, dice l’esperto:

I lineamenti ideali non sono reali e se anche lo fossero non è affatto detto che vengano percepiti come gradevoli o interessanti. La bellezza non è ricerca di un ideale, di un canone cui uniformarsi: un naso “sproporzionato” può essere bello lo stesso, e di certo sarà più interessante di uno che rispecchia pedissequamente formule matematiche elaborate ad hoc. Come chirurgo, per bellezza intendo ciò che il nostro corpo e il nostro cervello riconoscono gradevole in base alle esperienze che ognuno ha vissuto: anche nella società dell’immagine, il fattore soggettivo è troppo importante per poter rientrare nelle proporzioni vuote di un’attrattività teorica

Attrattività e bellezza, conclude il professore sono due cose diverse, è una questione di gusti personali, la matematica ha poco a che vedere con quello che in realtà ognuno di noi vuole, compito difficile anche per i chirurghi capire fino in fondo cosa vuole il paziente che si affida alle loro mani. La bellezza perfetta si riconosce nella simmetria delle forme:

Parlerei di armonia più che di simmetria perché in natura questa è illusoria, apparente, finta. Troppa perfezione non esiste nemmeno in natura, ed è per questo motivo che un eccesso di simmetria viene percepita dall’occhio umano come qualcosa di innaturale, dunque da guardare con sospetto. La simmetria assoluta non può essere ottenuta, né tantomeno promessa, nemmeno con gli strumenti tecnologici della chirurgia plastica attuale.

Photo credit: imagecodevn su Flickr

Il nostro sondaggio

[poll id=”6″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>