Alitosi, i rimedi naturali per eliminare il disturbo

di Mariella Commenta

Aver paura di sorridere, masticare chewing gum o succhiare caramelle e scappare dai baci, questa è la dura vita di chi deve lottare con l’alitosi, il disturbo dell’alito cattivo che può sembrare banale e che invece è piuttosto complesso. Oltre a creare disagio, rappresenta un campanello di allarme da non sottovalutare e risolvibile anche con l’aiuto di rimedi naturali. Se un odore sgradevole a livello del cavo orale non è sporadico, ma persiste nel tempo, è bene parlarne con il medico per scoprirne il responsabile e neutralizzarlo.

Omeopatia
Phytolacca decandra: 5 granuli alla 9CH, mattino e sera, per almeno tre settimane. In particolare, se all’alitosi si associano gengive rosse, gonfie e dolenti.
Problemi digestivi: Nux vomica, 5 granuli all 9CH, prima di pranzo e prima di cena, per almeno tre settimane. Contrasta dispepsia e digestione difficile, soprattutto legata a stress o alimentazione frettolosa.

Fitoterapia
Calendula officinalis: antinfiammatoria, 40 gocce di tintura madre sciolte in mezzo bicchiere di acqua, da usare per sciacqui mattino e sera, per almeno tre settimane.
Estratto di semi di pompelmo: antisettico generale: 5 gocce di tintura madre in poca acqua, da bere 2-3 volte al giorno, prima dei pasti per almeno tre settimane o per sciacqui al bisogno. Oppure in compresse in estratto secco, con erbe aromatiche come menta, mirra e cannella, da succhiare al bisogno fino a 6 volte al giorno per profumare l’alito.
Problemi digestivi: zenzero per la digestione in generale, cumino se ci sono gonfiore, colite e stipsi, tarassaco in caso di digestione lenta, per un effetto depurativo su tutto l’organismo. Per zenzero e cumino 30 gocce di tintura madre in mezzo bicchiere d’acqua, da bere prima dei pasti principali per tre settimane. Per il tarassaco ne bastano 25.

Gemmoterapia
Ligustrum vulgaris: gocce di macerato glicerico in mezzo bicchiere di acqua, da bere prima di colazione e prima di cena per tre settimane. In particolare in presenza di gengiviti e afte.
Problemi digestivi: ficus in caso di dispepsia e gastrite, noce in presenza di problemi intestinali che danno gonfiore e fermentazione, rosmarinus officinalis in caso di digestione lenta e colecisti che lavora poco. Per tutti 50 gocce di macerato glicerico in mezzo bicchiere di acqua, da bere prima dei pasti principali per tre settimane.

Photo credit: Eliane Terrataca su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>