La dieta della luna per dimagrire con le fasi lunari

di Mariella Commenta

Le diete alternative sono davvero tante, fra queste la dieta della luna che promette di far dimagrire con le fasi lunari. In buona sostanza, la dieta andrebbe seguita un solo giorno a settimana che deve corrispondere al cambio di fase lunare. Alla base della dieta della luna ci sono esclusivamente liquidi, i cibi solidi sono rigorosamente banditi.

È quindi il trionfo di succhi di frutta, brodo di verdura, tisane e acqua, l’obiettivo di nutrirsi di liquidi è quello di eliminare le tossine e rigenerare il fegato e l’organismo. Chi ha ideato la dieta della luna sostiene che il satellite della Terra attiri fuori dal corpo tutti i liquidi in eccesso.

Non è la prima volta che sentiamo parlare di quanto accade con il cambio della luna e l’influenza che ha, ad esempio, sul raccolto dei campi, la crescita dei capelli, il ciclo delle donne, le fasi lunari influenzano anche l’umore. Il suggerimento è quello di iniziare la dieta della luna con la luna nuova, appunto, e di non prolungare la durata oltre due giorni.

La prima raccomandazione è di seguire la dieta della luna sotto il controllo del vostro medico curante, questo vale per qualsiasi dieta restrittiva si decida di seguire. Nella dieta sono previsti 6 pasti al giorno, che ricordiamo devono essere liquidi. Appena sveglie un bicchiere di acqua a temperatura ambiente con il succo di un mezzo limone bianco. A metà mattina una spremuta di 2 arance o pompelmo rosa, se non riuscite a berla senza zucchero, usate del dolcificante.

Ancora liquidi a pranzo e merenda con una tisana a scelta, non cambia molto per la cena quando bisogna consumare una spremuta non zuccherata preparata con 1 limone o 1 arancia. Ed ancora tisana prima di andare a dormire o una camomilla. Per le tisane, si potrà ricorrere a quelle già pronte o andare in erboristeria e scegliere fra ingredienti depurativi, diuretici e digestivi su consiglio dell’erborista.

La dieta della luna non è molto diversa da una qualsiasi dieta depurativa e disintossicante a base di liquidi. L’importante è non esagerare, se seguita per un giorno, massimo due, la dieta può giovare al nostro organismo, il problema nasce se si segue troppo a lungo o troppo spesso. Potrebbero insorgere gravi scompensi, quindi, meglio provare questa dieta depurativa in giornate in cui non si hanno troppi impegni, magari durante i week end.

Photo credit: Nick. K. su Flickr