Ipertensione, come riconoscerla e prevenirla

di Mariella Commenta

L’ipertensione è una condizione di aumento persistente e non fisiologico della pressione. Fattori genetici, ambientali e comportamentali influenzano l’insorgenza di ipertensione. La forma più frequente è definita per consuetudine “essenziale”, ma in realtà ormai ne conosciamo molti fattori predisponenti: l’avanzare dell’età, l’obesità, la vita sedentaria, la dieta ricca di sodio e/o povera di potassio, di calcio e di magnesio, il consumo elevato di alcool, l’insulino-resistenza e lo stress.

I campanelli di allarme dell’ipertensione sono cefalea, difficoltà di concentrazione, senso di vuoto alla testa, vertigine, malessere generale, talvolta però questi sintomi sono totalmente assenti. Dolore al petto, palpitazione, mancanza di respiro, sudorazione, perdita della coscienza, sono invece, i sintomi della sindrome coronarica acuta, vale a dire quando la placca aterosclerotica occlude o riduce fortemente il calibro di un’arteria del circolo coronarico, deputato all’irrorazione del cuore.

Mal di testa, svenimento, deficit della sensibilità o della forza di una parte del corpo sono i sintomi dell’ischemia cerebrale; crampo ed irrigidimento del polpaccio o della coscia, durante la deambulazione, oppure cute fredda e dolore a una delle due gambe sono i sintomi dell’ischemia periferica.

Le categorie a rischio ipertensione sono i fumatori, è risaputo che la nicotina stimola il rilascio di sostanze che fanno aumentare la pressione e la frequenza cardiaca; gli obesi, poichè il grasso viscerale, principalmente quello addominale, favorisce l’aumento degli acidi grassi, il rilascio di insulina nel sangue, l’aumento della pressione e del colesterolo cattivo (LDL). Sono a rischio anche le persone che hanno elevati livelli nel sangue di colesterolo totale, colesterolo LDL (colesterolo cattivo) e trigliceridi, e un basso livello di colesterolo buono (HDL).

Ed infine chi soffre di diabete, poichè il glucosio in eccesso si comporta come un “veleno” che danneggia i vasi, iniziando dai più piccoli (come quelli della retina dell’occhio) fino ad arrivare a quelli più grossi, per esempio, quelli che vanno a irrorare il cervello e il cuore.

COSA FARE PER PREVENIRE L’IPERTENSIONE

  • smettere di fumare
  • controllare il peso corporeo
  • aumentare l’attività fisica dinamica e aerobica
  • cercare di ridurre lo stress
  • sorridere di più
  • fare periodici controlli della pressione, soprattutto se in famiglia ci sono casi di ipertensione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>