Agopuntura e dieta per ansia, stress, attacchi di fame

di Mariella 3

 L’ agopuntura è una tecnica usata per curare i disturbi più vari (dolori, problemi muscolo-scheletrici, asma, depressione,ansia, emicrania). Se vengono abbinati una dieta ipocalorica e l’ agopuntura, gli aghi possono anche aiutare l’ organismo a perdere peso e a controllare disturbi come ansia, stress, attacchi di fame, che favoriscono l’ aumento di peso. Nella maggior parte dei casi il sovrappeso è dovuto a un’ alimentazione eccessiva o scorretta. La terapia con l’ agopuntura non è dolorosa, gli aghi utilizzati nella pratica dell’ agopuntura sono sottilissimi. Oggi è pratica comune usare aghi sterili monouso che possono avere diametro e lunghezza diversi a seconda del loro utilizzo e delle zone da trattare. Agopuntura e dieta possono essere una associazione vincente per perdere peso. Bisogna ricordare, però, che non sono gli aghi da soli a favorire il dimagrimento, ma è l’ associazione tra dieta corretta e agopuntura che aiuta a rimettersi in forma. L’ agopuntura può svolgere, infatti, un’importante funzione di sostegno, aiutando la persona a seguire serenamente una dieta ipocalorica. L’ agopuntura è efficace soprattutto nei casi in cui i chili di troppo dipendono da attacchi di fame nervosa, legati allo stress. Chi sceglie questo tipo di trattamento deve quindi sottoporsi alle sedute di agopuntura e seguire una dieta messa a punto dal medico agopuntore a seconda del tipo di problema da affrontare.

Come agisce l’ agopuntura
Se non si può fare a meno di snack, caramelle, dolci e cibi ipercalorici per sfogare l’ ansia, il punto di agopuntura più importante si trova sopra lo sterno, appena sotto il collo e sopra il seno. Stimolarlo con gli aghi, aiuta a ritrovare serenità e controllo sul cibo. Quando invece il problema è legato a un forte appetito, l’ agopuntore stimola quattro punti che si trovano sull’ orecchio: due sul lobo (più o meno dove si mettono gli orecchini) e due sulla cartilagine collocata sopra la cavità. Gli aghi agiscono sui meccanismi dello stress, a causa del quale spesso si consumano cibi ricchi di zuccheri e grassi. Riequilibrando l’energia all’ interno dell’organismo, attraverso la stimolazione dei giusti punti di agopuntura, è possibile restituire benessere a chi è particolarmente teso e vive in uno stato di continua tensione.

A cura di Manuela Torregiani

Commenti (3)

  1. Gradirei ricevere ulteriori informazioni sulla possibilità di dimagrire con l’agopuntura.
    Nell’attesa invio i miei più cordiali saluti.

  2. Ciao Mimma, il punto da tenere bene a mente è che l’ agopuntura da sola non fa dimagrire. Infatti all’ agopuntura viene sempre abbinata una dieta personalizzata fatta in base alle esigenze e ai gusti della persona. In particolare, l’ agopuntura è di aiuto soprattutto per la fame ansiosa, il sintomo di chi mangia senza appetito, ma solo per placare il nervosismo.

    L’ agopuntura agisce a livello ormonale, aumenta la secrezione di serotonina e altri ormoni del benessere e migliora la risposta allo stress. Il periodo peggiore per chi si mette a dieta sono le prime settimane, il primo mese, perché si passa da una dieta libera a una dieta più calibrata. E’ allora che il senso della fame si fa sentire . Riequilibrando il sistema energetico si riduce l’ansia da cibo e si riassesta il rapporto tra fame e sazieta’.

    Con l’agopuntura si ottiene l’ inibizione del senso di fame. Alcune volte il sovrappeso dipende da alimentazione errata: si mangia non per fame ma per ansia. L’ agopuntura è in grado di indurre uno stato di tranquillità, di sedazione blanda, ridurre le cause che agiscono a livello psichico sul senso di fame. In pratica l’ agopuntura è di aiuto perchè agisce sugli effetti collaterali come ansia, tachicardia, agitazione, insonnia. A tutto questo è comunque da associare dieta e (ancor meglio) attività fisica moderata.

    I punti che vengono toccati per inibire il senso di fame sono tanti. La mappa delle zone in cui applicare gli aghi cambia a seconda del quadro specifico della persona. Ci sono però alcuni punti-base che vengono sempre trattati: vescica e rene per favorire l’eliminazione delle tossine e la diuresi; stomaco, intestino tenue e punti auricolari (orecchie) per regolare lo stimolo della fame; canale ren-mai e del cuore per stimolare lo scioglimento dei grassi.

    Un problema che si corregge bene con gli aghi è lo squilibrio energetico a carico di certi organi. In particolare quando si tratta di sovrappeso c’è un vuoto d’energia negli organi che gestiscono il metabolismo e la depurazione: fegato, milza, stomaco, reni, vescica, polmoni, grosso intestino. Durante il primo incontro il medico valuta la funzionalità degli organi. Come primo passo si valutano gli organi cosiddetti pieni (in cinese zang) : cuore, fegato, milza, polmone e reni. Per poi passare a quelli cavi (fu) con i quali sono collegati: lo stomaco (connesso alla milza), il grosso intestino (connesso al polmone), il piccolo intestino (legato al cuore), la vescica biliare (che rimanda al fegato) e la vescica (collegata al rene).

    Il consiglio per chi vuole provare questa tecnica è quello di rivolgersi ad un medico agopuntore specializzato nel controllo del peso, in modo da abbinare alla terapia con l’ agopuntura anche una dieta personalizzata.
    Puoi provare a consultare la mappa dei centri specializzati a questo link:
    http://www.olisticmap.it/centri/centri.asp
    oppure puoi cercare fra i medici agopuntori della tua zona a questo link:
    http://www.olisticmap.it/operatori/operatori.asp
    Magari qualche altro navigatore saprà indicarti un buon centro.

  3. Io, per esempio, mi sono rivolta al centro Alia Salus in provincia di Reggio Emilia.
    Mi sono affidata alle mani di una brava dottoressa esperta in agopuntura che opera in sinergia con un’esperta in alimentazione energetica. Un percorso interessante e che consiglio, personalmente ne sono felice.
    Ti lascio l’indirizzo del loro blog, lì ci sono informazioni e recapiti:
    http://www.aliasalus.blogspot.com
    Ciao!
    Ali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>