Curarsi con l’erba cipollina

di Ma.Ma. Commenta

Curarsi con l’erba cipollina, un’erba aromatica dalle moltissime proprietà benefiche che può essere largamente utilizzata in cucina, perché molto gradevole è anche il suo sapore (ricorda quello della cipolla, facilmente intuibile dal nome). A cosa fa bene l’erba cipollina? Con quale obiettivo possiamo utilizzarla con una certa frequenza?

Numerosi studi scientifici su questo alleato in cucina sono stati fatti e hanno individuato in questa erba aromatica molti effetti benefici sulla salute. Scopriamo quali sono i migliori! Intanto l’erba cipollina protegge il cuore: merito delle sue proprietà cardiotoniche e stimolanti dell’irrorazione sanguigna. Ancora, è in grado di abbassare il colesterolo quando necessario perché produce allicina che riduce la produzione di colesterolo nell’organismo.

COLESTEROLO ALTO: TUTTI I CONSIGLI PER COMBATTERLO

Il colesterolo alto è sempre da tenere sotto controllo perché potenzialmente pericoloso per il cuore. Possiamo dunque pensare di contrastarlo anche a tavola, consumando appunto questo tipo di erba. Che è utile anche per un’altra importante causa: protegge le ossa, tenendo alla larga il rischio di osteoporosi frequente soprattutto nelle donne. E’ infatti ricca di vitamina K che fa benissimo alla salute delle ossa rafforzandole nel tempo, quando con l’invecchiamento tendono a farsi decisamente più fragili.

 COME PREVENIRE L’OSTEOPOROSI – I CONSIGLI

Le proprietà benefiche di questa erba non sono finite: è in grado infatti di abbassare la pressione sanguigna e combattere l’invecchiamento cellulare determinato dai radicali liberi. Ancora questa erba aromatica, è consigliata alle donne in stato gravidanza (ma chiedete sempre al medico) perché ricca di acido folico, utilissimo per la  salute del feto.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>