Come realizzare uno shampoo bio, naturale, fai da te

di Pina Commenta

Se le vostre preoccupazioni sono legate agli ingredienti contenuti negli shampoo che usate tutti i giorni, sappiate che non siete i soli. Sempre più persone sono interessate al benessere proprio e dell’ambiente e sempre più persone adottano metodi alternativi per lavare i capelli.

La prima mossa è quella di evitare gli shampoo che normalmente si trovano sullo scaffale dei negozi e che contengono sostanze aggressive, come lauryl/laureth sulfate, ammonium laureth sulfate e cocamide DEA.

Molti dunque, non lavano i capelli con lo shampoo e non si tratta di una semplice tendenza. Se pensiamo che lo shampoo da usare giornalmente è un’invenzione relativamente recente, che risale alla fine del 1800, quando la maggior parte delle persone si lavava i capelli solo una volta al mese, non stupisce poi così tanto.

Non tutti però sono disposti a rinunciare allo shampoo, anche perché ormai è un’abitudine radicata. Gli esperti consigliano quindi di leggere bene le etichette. Il primo ingrediente deve essere l’acqua e deve comporre lo shampoo dal 50 al 80% del suo totale. Assicuratevi che ci siano gli ingredienti naturali decantati dal nome del prodotto, ad esempio l’olio di cocco, l’olio di argan, l’olio d’oliva, il mentolo e così via. In genere vengono utilizzati i nomi latini o quelli chimici per questi ingredienti.

Ma se nemmeno così vi sentite tranquilli, provate a realizzare a casa il vostro shampoo. Lo shampoo fai da te potrebbe non avere l’aspetto di quelli che si trovano in commercio, a partire dalla produzione di schiuma ad esempio. Ma il fatto che non ci sia schiuma non significa che non sia altrettanto efficace.

Ecco i consigli di Janice Cox, autrice di “Natural Beauty at Home”.

Per uno shampoo base:

1/2 tazza di acqua

1/2 tazza di sapone liquido (tipo il sapone vegetale di Castiglia)

1/2 cucchiaino di olio vegetale leggero

Si mescola il tutto delicatamente, senza sbattere. Si versa poi in un contenitore pulito e si usa lo shampoo ottenuto come si farebbe con qualsiasi altro prodotto, massaggiando la cute. Quindi risciacquare, preferibilmente con acqua tiepida. Se i vostri capelli sono grassi, potete tranquillamente omettere la parte oleosa. Questa è essenziale se i vostri capelli sono secchi e danneggiati.

Clicca qui per la seconda ricetta.

Photo Credits |Valua Vitaly/ Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>