Meditazione, scegliere il metodo migliore per il nostro benessere

di Mariella Commenta

La meditazione ha molti significati, per gli orientali è osservare la mente, per la filosofia yoga favorisce il contatto con l’universo, per i cristiani, invece, è raccogliersi in preghiera. Per tutte, il dato certo è che per ottenere i maggior benefici non si devono seguire tendenze e mode, la meditazione è una disciplina che consente di entrare in sintonia con se stessi, ma bisogna scegliere il metodo migliore per il nostro benessere.

Rivolgersi ad una tecnica piuttosto che a un’altra, suggerisce uno studio del dottor Adam Burke, professore all’Institute for Holistic Health Studies presso l’università Statale di San Francisco, ma soprattutto convincente, aiuterà la nostra salute psicofisica e farà in modo che ci appassioni tanto da non abbandonare la pratica.

L’esperto ha condotto un vero e proprio studio sulla meditazione, per valutare l’impatto, vantaggi e svantaggi, derivanti dalla scelta di una disciplina piuttosto che un’altra ed ha osservato i benefici che ne sono derivati in base alla scelta effettuata.

Sono stati valutati quattro diversi metodi di meditazione, tra quelli più popolari: il Qi Gong, la meditazione Zen, la Mindfulness, la meditazione Mantra. Sono state coinvolte 247 persone alle quali sono state spiegati tutti i metodi. Dopo il test in studio, i partecipanti hanno praticato la disciplina a casa, per poter scegliere quale ritenevano più adatto alle loro necessità.

La scelta è caduta sui metodi più semplici, Mindfulness e Mantra, seguivano lo Zen e infine il Qi Gong, lasciando chiaramente intendere che la persona, soprattutto se principiante, preferisce la strada più semplice e usufruibile.

Il Mindfulness (consapevolezza) è la più recente scoperta che piace soprattutto ai giovani, e gode di grande popolarità, sia tra i principianti che tra il personale sanitario. Ed ecco il commento dell’esperto:

Se qualcuno viene indirizzato a una particolare tecnica grazie ai media o un operatore sanitario, si potrebbe pensare che se è popolare è la migliore per tutti. Ma questo è come dire che se un vestito rosa o una giacca sportiva blu è popolare quest’anno, allora veste bene su tutti. In verità, persone diverse amano cose diverse. Una taglia unica non va bene a tutti.

Photo credit: rmhealing su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>