Correre seguendo la regola del 10-20-30

di Braganti 1

Allenarsi meno ma con prestazioni migliori: ecco quanto “promette” un nuovo metodo di allenamento, “la regola del 10-20-30” ideata dallo studioso danese Jens Bangsbo del Dipartimento delle Scienze dell’Esercizio e dello Sport dell’Università di Copenaghen . La ricerca è stata condotta su 18 persone mediamente allenate ed i risultati sono stati pubblicati all’interno del Journal of Applied Physiology; anzitutto vediamo però in cosa consiste il metodo 10-20-30.

Consiste nell’alternare momenti di allenamento a bassa intensità con altri invece di alta durante una sessione tipo che dura circa 20-30 minuti; si inizia con un chilometro di corsa a bassa intensità e a seguire tre o quattro step di corsa da cinque minuti ciascuno, facendo un intervallo di due minuti l’uno dall’altro. Ognuno di questi step comprende cinque intervalli consecutivi di un minuto in cui si corre a bassa intensità per trenta secondi, a media per venti e ad intensità elevata per dieci. Ed è proprio questa varietà di sforzi che varia di continuo a rendere migliori le performance del cuore.

E’ stato osservato che i partecipanti che hanno preso parte allo studio dopo aver seguito la regola del 10-20-30 per sette settimane hanno visto migliorare la propria performance di 23 secondi sui 1500 metri mentre su cinque chilometri di un minuto. Tutti i partecipanti hanno affermato di essere più sereni ed entusiasti; inoltre, la loro pressione arteriosa è risultata diminuita del 4% mentre il colesterolo del 10%. Insomma questo metodo di allenamento sembra garantire dei miglioramenti generali della salute e pare essere adatto anche a persone già allenate; che ne pensate?

Via| Corriere.it

Photo Credits| lululemon athletica su Flickr

 

Commenti (1)

  1. Secondo il programma quanti allenamenti a settimana si dovrebbero fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>