Scrub per rinnovare la pelle al cambio di stagione

di Mariella Commenta

scrub-rinnovare-pelle-cambio-stagione

Lo scrub andrebbe fatto tutto l’anno, almeno una volta al mese, ma questo è uno dei momenti più adatti per rinnovare la pelle, il cambio di stagione. Dopo un inverno passato sotto gli abiti pesanti, la pelle può apparire spenta, spessa e opaca, a volte anche ruvida e squamosa.

Ci sono vari metodi per rinnovare la pelle, senza necessariamente cercare stranezze come l’attrice Halle Berry che ha dichiarato di usare i chicchi di caffè e chi, ben più originale come Snooky, protagonista del programma americano “Jersey Shore”, ha scelto la lettiera per gatti. Queste “ricette casalinghe” per esfoliare la pelle, sono bizzarre, ma esistono cosmetici che portano via con dolcezza le cellule morte e aiutano a rendere compatta l’epidermide.

L’esfoliazione aiuta a risvegliare la pelle dal letargo, portando via le cellule morte superficiali e le impurità, diventa subito più morbida e luminosa. Non solo, respira meglio e si ossigena a fondo e questo contribuisce a farle ritrovare energia. Senza dimenticare che lo scrub agisce anche in profondità, stimolando il processo di rinnovamento cutaneo che tende a rallentare con l’età in modo che l’epidermide possa mostrasi più compatta e vitale.

Lo scrub può essere utilizzato una volta ogni 10-15 giorni. Sulle parti più ruvide si può anche decidere di impiegare il prodotto ogni quattro-cinque giorni, mentre nelle zone più delicate si può arrivare anche fino a una volta al mese. In ogni caso, è bene fare uno scrub prima di iniziare qualsiasi ciclo di cura con prodotti rassodanti, snellenti e anticellulite in modo che, liberando i pori, la cute risulti più ricettiva.

Lo scrub più nuovo che propongono i centri estetici è una miscela che si ottiene mescolando yogurt probiotico naturale, farina di lino o di mandorla, polpa essiccata di baobab, mele cotogne e arance amare, olio di cumino e qualche goccia di olio essenziale di arancio dolce tonificante. Si massaggia a lungo sulla pelle dopo un bagno di vapore che apre i pori. Si tiene in posa per una decina di minuti, poi si risciacqua tutto e si massaggia con un burro di karitè profumato.

Photo credit: Twin Palms Salon & Sanctuary su Flickr