Occhi secchi in inverno: ecco alcune cause e consigli utili

di Daniele Pace 1

Soffrire di occhi secchi in inverno è abbastanza comune. Ma ci sono cause che vanno oltre ecco le più comune ed alcuni consigli per evitarli.

Spread the love

In inverno veniamo colpiti spesso dalla sindrome dell’occhio secco. Chi ne soffre subisce un’alterazione nell’equilibrio del film lacrimale, in pratica c’è una cattiva regolazione nella quantità e qualità delle lacrime. L’utilizzo di aria condizionata calda in inverno, od il vento freddo, sono tra i fattori di rischio più comuni per gli occhi che rischiano di seccarsi. Quali sono tutti i sintomi e le cause che causano questa sindrome?

Ipolacrimia, quando c’è una scarsa produzione di lacrime, oppure dislacrimia, quando evaporano in maniera eccessiva.  La produzione fisiologica di lacrime è quella che mantiene l’occhio umido ma per rispondere a particolari stimoli od il contatto con corpi estranei, ecco che la produzione tende ad aumentare. Tra le cause degli occhi secchi c’è anche la sindrome di Sjogren una patologia autoimmune che come effetto collaterale ha proprio questo. Altri sintomi comuni della sindrome dell’occhio secco possono essere: fotofobia, bruciore oculare, lacrimazione alterata, annebbiamento visivo, sensazione di corpo estraneo perenne, difficoltà di apertura delle palpebre al risveglio conseguenza della notte dove la secchezza oculare si sviluppa in maniera eccessiva. Le cause che possono concorrere nella comparsa degli occhi secchi più indicate sono: lo smog, il fumo passivo, aria condizionata troppo calda, abuso di smartphone e dispositivi elettronici vari a cui esponiamo la vista, termosifoni accessi in luoghi chiusi non correttamente deumidificati.

Dunque come facciamo a prevenirla o quantomeno diminuirla? Ecco qualche consiglio per evitare che gli occhi si seccano: occhiali per proteggersi dal vento freddo come ad esempio quelli indossati in alta quota, se vivete in una zona dove c’è vento freddo sarebbero l’ideale. Limitare l’utilizzo dei dispositivi elettronici, ovviamente. Non fumare o non stare in luoghi dove il fumo passivo la fa da padrona. Evitare di usare il condizionare a temperature troppo elevate od usare per diverse ore i termosifoni. Se soffrite già di occhi secchi è consigliabile bere molta acqua e seguire una dieta sana per mantenere la giusta idratazione corporea. Consultare un oculista poi è il consiglio più blasonato per contere l’eventuale presenza di patologie come congiuntivite o blefarite soprattutto per evitare che i fastidi dell’occhio secco possano dare problemi al giusto svolgimento della vita quotidiana. Se poi siete fumatori incalliti o non riuscite a fare a meno di usare il condizionare o dispositivi elettronici, proabilmente il vostro oculista potrebbbe darvi gli stessi consigli che avete letto, starà a voi decidere se persistere in questa sindrome o riuscire a porvi il giusto rimedio.

Commenti (1)

  1. I do not even understand how I ended up here, but I assumed this publish used to be great

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>