I vero e falso sullo stretching

di Pina Commenta

Fare stretching o non fare stretching? Questo è un annoso dilemma. Ne avrete di certo sentite di tutti i colori, allungare i muscoli prima dell’allenamento, dopo l’allenamento o durante, oppure non farlo affatto.

Esistono poi diverse tipologie di stretching, come ad esempio lo stretching statico, che consiste nell’allungare un muscolo o un gruppo muscolare per poi mantenere lo stiramento massimo, non c’è alcun movimento e si deve arrivare alla posizione il più lentamente possibile. Lo stretching dinamico implica dei movimenti, l tipico esempio di stretching dinamico è rappresentato da oscillamenti piuttosto lenti e controllati di braccia e gambe.

Insomma, con tutto quello che si sente dire in giro, come si fa a capire cosa è giusto o sbagliato? Ecco dunque tutto quello che bisogna sapere ma anche tutto ciò che bisogna dimenticare per quanto riguardo lo stretching.

Falso: fare sempre stretching prima dell’allenamento.

Vero: fare il giusto stretching prima dell’allenamento. Esistono infatti due tipi di stretching, uno statico, con il corpo a riposo e uno dinamico, in movimento. Prima dell’allenamento l’ideale è fare uno stretching in movimento, che aiuta a preparare i muscoli al lavoro, aumentando la loro temperatura. Lo stretching statico, invece, tende ad abbassare l’elasticità dei muscoli.

Falso: lo stretching statico non va mai bene.

Vero: siccome non va bene prima dell’allenamento, si tende a pensare che non vada mai bene e invece  perfetto per chiudere l’allenamento, in quanto aiuta a raffreddare i muscoli. Alla fine dell’allenamento quindi, dedicare 5-10 minuti allo stretching statico.

Photo Credits |Ammentorp Photography/ Shutterstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>