McDonald’s contro la pizza: anche il sindaco di New York De Blasio a favore degli italiani

di Pina Commenta

Tutto è iniziato con uno spot McDonald’s in cui si sosteneva che i bambini, quelli italiani in questo caso, preferiscono un hamburger, un Happy Meal, alla pizza.

Certo, a noi italiani questo spot ha fatto sorridere, insomma, si tratta di un’affermazione quasi impossibile da credere, eppure lo spot è andato in onda proprio così.

Ma non è passato inosservato, com’era prevedibile, e il popolo dei pizzaioli napoletani si è “ribellato” con una serie di iniziative per ribadire il primato della pizza nei gusti e nelle preferenze degli italiani, grandi e piccini.

La protesta ha fatto il giro del mondo, al punto che anche il sindaco di New York, Bill De Blasio, ha detto la sua su Twitter: “All’italiano piace la pizza molto di più che gli hamburger. Sicurissimo che McDonald’s non abbia capito”.

 

A questo tweet, il sindaco di NYC, ha affiancato il link di un articolo del Washington Post, in cui si racconta di questa “battaglia culinaria”, guidata da illustri rappresentanti quali Gino Sorbillo, noto pizzaiolo napoletano, erede di una tradizione che va avanti dagli anni ’30 e che sostiene quanto la campagna McDonald’s si sia sbagliata. La cultura italiana, così basata sulla tradizione, sulla famiglia e sulla forte connessione con il territorio di certo finisce per respingere uno spot del genere, che diventa un boomerang per l’azienda americana.

Un pensiero, quello di Sorbillo, che di certo è condiviso da molti, compreso il sindaco De Blasio, che peraltro ha origini campane.

Insomma, nonostante McDonald’s abbia provato ad aggiustare il tiro, la polemica è ormai partita e sembra non arrestarsi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>