Lollipop diet: la dieta del lecca lecca

di Pina Commenta

Arriva una nuova dieta che pare stia facendo impazzire molte celebrities ma non i nutrizionisti. Come al solito queste diete un po’ “pazzerelle” sembrano essere molto apprezzate specialmente dalle star d’oltreoceano come nel caso della recente Lollipop diet, anche dette dieta del lecca lecca.

Da Britney Spears a Paris Hilton, passando per Cara Delevingne, Katy Perry e Madonna, a quanto pare tutte vogliono provare questa dieta che si basa proprio sull’assunzione di lecca lecca.

L’indicazione prevista in questo regime alimentare è di assumere tre lecca lecca speciali al giorno prima dei pasti principali. I lecca lecca in questione conterrebbero delle sostanze finalizzate a far dimagrire e dare sazietà: lo hoodia, estratto di una pianta tipica del Sudafrica usata da alcune comunità di indigeni per sopravvivere nel deserto, il Citrimax, estratto da un raro frutto tropicale della giungla asiatica, la garcinia cambogia e il guaranà, fonte naturale di caffeina.

La dieta pare essere indicata per le più golose di caramelle & co. dal momento che i lecca lecca in questione sono disponibili in diversi gusti come panna e fragole, torta di mele, cappuccino cheesecake, insomma, tante golosità e solo 10 calorie.

I nutrizionisti sono molto scettici, non sono convinti del fatto che i lecca lecca siano completamente senza zucchero e sono poco convinti della loro efficacia. Uno dei principali dubbi deriva dal fatto che non ci sono prove scientifiche a supporto delle proprietà dimagranti e antifame riconosciute agli ingredienti base di questi lecca lecca, in più per molti specialisti, l’hoodia potrebbe portare a rischi epatici.

Insomma, come al solito è bene fare attenzione a queste diete “alternative” che colpiscono per sensazionalismo ma che poi si rivelano delle vere bufale e nel peggiore dei casi dannose.

Photo Credits |Casther/ Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>