Arrampicata: il fitness che diverte

di Pina Commenta

Le sedute in palestra possono essere molto più divertenti se si pratica l’arrampicata. Questo sport è chiamato anche climbing e può essere praticato sia all’interno di palestre, come detto, che all’esterno. Generalmente l’arrampicata indoor è propedeutica a quella outdoor, su roccia.

Ma l’arrampica può essere praticata anche se non si ha alcuna intenzione di scalare montagne, perché vantaggi e i benefici sono comunque tanti.

Partiamo col dire che si tratta di un’attività adatta a tutte le età, non ci sono particolari controindicazioni e anche i bambini possono farla divertendosi.

Il vantaggio di questa attività è che si trovano benefici sia a livello psicologico che fisico. Secondo il primo aspetto, infatti, l’arrampicata aiuta a a sviluppare l’autostima, a scaricare lo stress accumulato e ad aumentare la concentrazione, nonché la risoluzione dei problemi.

Da un punto di vista fisico, i vantaggi sono decisamente riscontrabili in una maggiore flessibilità e mobilità articolare, i muscoli risultano più tonici e in generale fortifica il nostro corpo.

Di conseguenza anche i bambini ottengono vantaggi da un punto di vista degli schemi motori di base, le capacità coordinative, la sicurezza personale e il senso di responsabilità.

Insomma, una vera e propria attività fisica per il benessere fisico e mentale che però non ha nulla di noioso, ansi, ci si diverte molto, si sfidano i propri limiti e in qualche modo si dà sfogo ad un istinto atavico di andare verso l’alto.

Se se ne avrà voglia e ci si sarà allenati adeguatamente, c’è anche la possibilità di uscire dalla città, ed affrontare un’arrampicata su roccia. Per chi invece inizia, occorrono semplicemente delle scarpe adatte e un’imbragatura. I primi risultati si ottengono nei primi mesi di allenamento, con una frequenza di 2-3 volte a settimana.

Photo Credits |Sorbis/ Shutterstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>