Abbronzatura: un doposole rinfrescante alla lavanda

di Francesca Spano Commenta

Profumata, dal tenue colore violetto e dalle grandi proprietà calmanti e curative. I molteplici impieghi della lavanda, l’hanno resa nel tempo molto ricercata ed è anche indicata per le scottature, l’acne, piccoli tagli e graffi, contro l’insonnia e contro le pulci. In questi giorni di ferie e mare, l’abbronzatura viene al primo posto ma se esageriamo con l’esposizione o scegliamo il sole delle ore più calde, possiamo intervenire con un doposole proprio alla lavanda preparato in casa.

Per prima cosa, se volete conservare la tintarella, evitate di rimanere a mollo nell’acqua bollente, perché presto inizierete a spellare. Meglio, invece, un bagno tiepido in grado di regalare sollievo immediato alla pelle. In questo caso, potete spalmare la vostra lozione, che preparerete velocemente aggiungendo i seguenti ingredienti:

  • 2,5 ml di olio diluito di lavanda
  • 2 gocce di olio essenziale puro di lavanda
  • 1 goccia di olio essenziale puro di camomilla

Il tutto potrete versarlo nella vasca e, subito dopo, spalmare in ogni parte del corpo un gel lenitivo doposole. In questo caso dovrete preferire l’aloe vera che è rinfrescante ed ha grandi proprietà curative. Si può utilizzare con gli oli essenziali mettendo insieme:

  • 5 gocce di gel di aloe vera
  • 5 gocce di olio essenziale puro di lavanda.

Mischiate il tutto nel palmo della mano e applicate sulla pelle arrossata. Per concludere, potrete preferire un gel doposole che terrete in uno spruzzatore nel frigorifero usandolo per la pella. Sarà in grado di rinfrescarvi e regalarvi immediato sollievo. Il composto va agitato bene prima di spruzzarlo sulla pelle e vi servirà.

  • 250 ml di acqua minerale naturale
  • 20 gocce di olio essenziale puro di lavanda

Quando l’eventuale scottatura non è grave, in ogni caso, cercate di raffreddare la parte con acqua fredda e applicate subito la lavanda non diluita, prima di coprire con garza sterile e cambiate regolarmente la fasciatura.

Photo Credit: Mauro Mosciatti su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>