Le proprietà terapeutiche del pepe nero

di Francesca Spano Commenta

 

Il pepe nero è stato qualche volta sottovalutato, eppure le sue proprietà terapeutiche sono conosciute sin dalla notte dei tempi. A non rinunciare ai suoi benefici è, tanto per cominciare, la medicina cinese, secondo la quale l’infuso di pepe, meglio ancora se bianco in questo caso, sarebbe in grado di curare malattie serie come la malaria, il colera o anche la dissenteria, la diarrea e i disturbi della digestione. In generale, comunque, questa spezia è capace di abbassare la temperatura corporea e viene preferita come antifebbrile.

L’erboristeria occidentale, invece, preferisce il suo infuso per alleviare i disturbi procurati dalla flatulenza, nausea, stitichezza e dolori artritici. Il pepe nero contiene la piperina che avrebbe un effetto salutare sull’apparato digerente stimolando pure la saliva e i succhi gastrici. In aromaterapia, invece, il suo olio essenziale serve soprattutto per le miscele che leniscono dolori e rigidità muscolari e sempre più spesso viene abbinato a maggiorana e rosmarino. Gli atleti non di rado optano per il pepe nero, proprio per prevenire i disturbi da affaticamento.

Nonostante la composizione chimica dell’olio sia ben diversa dal pepe originario, basta inalarne qualche goccia dopo averne imbevuto il fazzoletto. Il suo aroma piccante stimola la secrezione della saliva e dei succhi gastrici agevolando la digestione. In caso di raffreddore e influenza, poi, con il pepe nero si possono scegliere i fumenti, mescolandolo all’eucalipto e alla maggiorana. Una sola goccia di olio in un bicchiere d’acqua, rappresenta un ottimo prodotto per i gargarismi. E’ sempre meglio usare l’olio a bassa concentrazione della spezia per evitare il suo aspetto irritante anche se di solito l’olio è in generale meno forte, ma per migliorare la propria salute funziona e lo sapevano già gli antichi. Si dice che Attila, il re degli Unni,abbia chiesto come riscatto per la città di Roma 1500 kg di pepe.

Photo Credit: antonietta.f  su Flickr

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>