Tatuaggi: complicazioni simili al cancro alla pelle

di Braganti Commenta

I tatuaggi possono causare complicazioni simili al cancro alla pelle; a scatenare il pericoloso allarme Michi Shinohara, professore di dermatologia presso l’Università di Washington a Seattle. Spiega infatti che l’inchiostro usato per realizzare i moderni tatuaggi può causare reazioni allergiche, infezioni gravi e reazioni che possono addirittura arrivare a creare danni come il cancro alla pelle.

La dottoressa spiega che sebbene la composizione degli inchiostri usati nei tatuaggi negli ultimi anni sia cambiata e non si usino più sostanze altamente tossiche come piombo, cobalto, carbonio in certi tatuaggi (in particolar modo nei rossi e nei gialli) si possono però trovare dei coloranti organici azoici che vengono usati utilizzati nell’industria (come in quella tessile) potenzialmente pericolosi. La dottoressa spiega che ci sono molte incognite su come queste sostanze reagiscano a contatto con la pelle; tra i problemi più diffusi ci sono le reazioni allergiche ai pigmenti impiegati. Prurito o eruzioni cutanee possono verificarsi giorni, mesi o addirittura anni dopo aver fatto il tatuaggio; dovrebbero poi prestare molta attenzione le persone che soffrono di psoriasi o eczema perchè i tatuaggi possono provocare delle malattie croniche della pelle. La sarcoidosi è una malattia autoimmune caratterizzata da gonfiore e prurito, che può verificarsi anche dopo anni che si è fatto il tatuaggio e può coinvolgere altri organi, come i polmoni o gli occhi.

Per quanto riguarda il cancro alla pelle la specialista ricorda di non fare tatuaggi sopra ad un neo; inoltre, anche un urto nella zona del tatuaggio può dare origine ad un cancro alla pelle. Questo tipo di urto o lesione è simile ad un tipo di cancro della pelle conosciuto come carcinoma a cellule squamose e per poterne accertare la natura serve una biopsia; per essere trattato come un cancro della pelle necessita di un ulteriore intervento chirurgico.

Possono esserci poi anche delle infezioni batteriche e, anche malattie come sifilide e l’epatite B e C nel caso in cui vengano usati strumenti non sterili.

Meglio quindi prestare molta attenzione e riflettere bene prima di decidere di farsi fare un tatuaggio.

Via| siasat.com

Photo Credits| JD | Photography su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>