Raggi: sono pericolosi sia gli UVA che gli UVB

di Braganti Commenta

 

Interessante articolo quello contenuto all’interno del corriere.it che ripropone l’annosa quanto mai attuale questione relativa alla pericolosità dei raggi UVA e UVB. Se da un lato la luce solare stimola la produzione della melanina e può essere salutare se si soffre di psoriasi o dermatite atopica d’altro canto è bene ricordare che un abuso può causare danni anche molto gravi, dall’invecchiamento precoce della pelle all’insorgenza di tumori. Ecco perchè dovremmo riuscire a trovare il giusto equilibrio.

Enzo Berardesca, direttore del Dipartimento di dermatologia clinica dell’Istituto dermatologico San Gallicano di Roma spiega

Il rischio è legato alle radiazioni solari UVB (Ultravioletti B) e UVA (Ultravioletti A). Gli UVB hanno una forte carica energetica ed effetti soprattutto sugli strati più superficiali della pelle (epidermide). Sono i principali responsabili della reazione immediata provocata dal sole sulla cute, che può dare origine a una scottatura o, in termini tecnici, un eritema solare, che nei casi più seri si trasforma in una vera e propria ustione . Gli UVB, stimolando la produzione di melanina, sono anche quelli che provocano una colorazione progressiva, responsabile dell’abbronzatura, che serve a proteggere la cute

Prosegue poi dicendo che un’eccessiva esposizione ai raggi UVB può favorire la comparsa di lesioni precancerose come cheratosi attiniche e i tumori; i raggi UVA invece causano l’invecchiamento della pelle e i tumori cutanei, come il melanoma. Bisogna usare una crema protettiva che sia adatta al nostro fototipo, che abbia una doppia protezione (sia contro gli UVA che gli UVB) e riapplicarla ogni 2-3 ore.

Quindi abbronzarsi sì ma sempre usando il buon senso.

Via| corriere.it

Photo Credits| …love Maegan su Flickr