I benefici della bicicletta per perdere peso, contrastare lo stress e mantenersi giovani

di Redazione Commenta

Spread the love

In forma, sempre giovani e… felici! Il segreto? Lo conoscevano anche i nostri nonni… andare in bicicletta è un vero toccasana per grandi e piccini. Pedalando si perde peso e si resta giovani, una sorta di antistress che permette di ricaricare le energie e aumentare la fiducia in se stessi. All’ estero, specialmente nel nord Europa e negli States, quella della bicicletta è una vera a propria filosofia di vita. In Italia mancano ancora piste ciclabili (secondo un’ indagine di 3M sarebbero 3000 i km di piste ciclabili in Italia, con una media nei centri urbani di solo 3,7 chilometri ogni 100.000 abitanti), ed è un vero peccato, perché i vantaggi della bicicletta sono tanti, a partire dal fatto di stare all’ aria aperta e di essere praticamente gratis!

I BENEFICI DELLA BICICLETTA
In bici si alza il metabolismo glucidico e lipidico e si rafforzano sia il sistema immunitario sia quello cardio-vascolare, ma anche la capacità respiratoria. Per le donne, poi, c’ è tutta una serie di vantaggi in termini di osteoporosi e cellulite, che possono essere così combattute efficacemente.

Ma, al di là dei benefici fisici, vi sono anche considerevoli quelli psicologici. La bicicletta è considerata il miglior antistress ed il senso di benessere associato al pedalare consente di recuperare le energie. In più, usando la bicicletta sembra che si aumenti, misteri della psiche umana, la fiducia nelle proprie capacità. Basta quindi pedalare pochi minuti ogni giorno per stare meglio con se stessi e per dimagrire mettendosi in forma senza rischi.

Fondamentale è che l’esercizio aerobico sia condotto al 60% del massimale cardiaco di ciascuno. Importante è anche la durata del lavoro aerobico. Un programma di dimagrimento corretto prevede 30/40 minuti di lavoro aerobico. In più è meglio essere graduali nello sforzo e non partire subito con percorsi duri, senza tralasciare riscaldamento e raffreddamento dopo la pedalata. Non mancano poi gli accorgimenti per intraprendere l’ attività ciclistica.

ACCORGIMENTI PER ANDARE IN BICICLETTA
Dolori alle ginocchia e alle natiche sono molto comuni soprattutto per i ciclisti inesperti. Ma il più delle volte – dicono gli esperti – i problemi concernono l’ altezza e la dimensione del sellino e le conseguenti scelte sbagliate dei ciclisti amatoriali. Non è un’ idea brillante, infatti, al contrario di quel che si potrebbe pensare, quella di utilizzare sellini spaziosi e comodi. Quanto più il sellino è largo, infatti, tanto più si finisce per dondolare da una parte all’ altra. Ci sono così più attriti e di conseguenza più problemi pelvici. Non conta neanche l’ imbottitura, ma è più importante distribuire il peso in modo uniforme. Non tutto sulle natiche, perciò. Un’ altra difficoltà è determinata dall’ altezza del sellino. Bisogna trovare il giusto equilibrio. Troppo alto determina troppe oscillazioni e troppo basso porta a un eccessivo ripiegamento delle gambe. L’ ideale è poter appoggiare il piede a terra quando si è seduti sul sellino.

E allora via! Tutti in sella per un po’ di fitness in allegria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>