Yogurt: un vasetto di salute

di Mariella Commenta

 Già negli anni sessanta lo yogurt cominciava a conquistare il cuore delle famiglie italiane. Oggi la scelta è ampia: magro, intero, alla frutta, ai cereali….e qualsiasi vasetto andremo a comprare, non sbaglieremo mai.
Si, perché, in qualsiasi versione lo si scelga, lo yogurt rimane un fortissimo alleato per la nostra salute: dal punto di vista nutrizionale è un alimento completo e bilanciato, con proteine di alto valore biologico e zuccheri facilmente assimilabili. Anche il calcio, di cui il latte è ricco, è meglio assimilabile grazie all’azione dei batteri che lo trasformano in lattato di calcio. Quando alle vitamine, i fermenti regalano una marcia in più a quelle del gruppo B, importanti per il funzionamento del sistema nervoso, e all’acido folico, prezioso in gravidanza.
Sono i fermenti a rendere speciale questo alimento, ma hanno un punto debole: purtroppo raramente riescono a superare la barriera acida di succhi gastrici e così arrivano ormai decimati dove servirebbero, e cioè nell’intestino. E’ per cercare di ovviare a questo problema che la ricerca ha individuato una nuova famiglia di superfermenti, i cosiddetti probiotici.

I fermenti probiotici sono particolari batteri che si trovano normalmente nella microflora dell’intestino umano sano. Il loro vantaggio è proprio quello di resistere agli acidi dello stomaco, così da arrivare sani e salvi nell’intestino, dove attecchiscono alla mucosa per poi riprodursi e proliferare, stimolando le difese immunitarie.
Gli italiani però preferiscono lo yogurt alla frutta. Gli yogurt dolci sono salutari come quelli naturali, perchè non vanno ad influire sull’azione dei fermenti, ma bisogna tenere d’occhio le calorie: un vasetto di yogurt alla frutta, infatti, ne contiene quasi il triplo rispetto ad un vasetto di yogurt magro.

A cura di Manuela Torregiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>