Quando e come intervenire per curare le malattie dell’orecchio dei bambini

di Daniele Pace Commenta

Informazioni utili per approcciare al meglio le malattie dell'orecchio

Spread the love

Avere un bambino è senza dubbio l’esperienza che più è in grado di cambiare la vita di una persona. L’arrivo di un nuovo membro della famiglia è fonte di una gioia talmente grande che solo chi l’ha provata può essere in grado di comprendere. Tutta la fatica, le notti insonni e i nuovi mille impegni che entrano a far parte della nostra vita scompaiono anche solo di fronte a un sorriso della nostra piccola gioia. Ovviamente tutto questo comporta anche una serie di enormi responsabilità che sono dovute a tutte le scelte che dobbiamo effettuare e alle decisioni che dobbiamo prendere in ogni singolo istante.

malattie dell’orecchio

Quando piange, quando mostra anche una piccola sofferenza o manifesta un disagio dobbiamo essere bravi a capire di cosa si tratti, quale sia l’origine di quel disagio. E, come è ovvio, non è affatto facile, proprio perché sono così piccoli e indifesi e non ancora in grado di comunicarci verbalmente quale sia l’origine del problema. Certo, non dobbiamo essere iper apprensivi ma al tempo stesso non dobbiamo sottovalutare tutti i segnali che ci arrivano ed essere sempre in grado di muoverci con tempestività. In questo articolo, in particolare, ci occuperemo di quelli che possono essere i problemi all’udito del nostro bambino, di quali siano i segnali e di come intervenire.

Le malattie dell’orecchio dei bambini

Il primo campanello d’allarme delle malattie dell’orecchio nei bambini è l’otalgia: si tratta di un disturbo molto comune a quell’età, l’83% dei bambini al di sotto dei 3 anni è colpito da otite media, ma la maggior parte di queste patologie sono destinate a scomparire senza lasciare traccia. Il segnale più evidente sarà un pianto disperato che tenderà ad accentuarsi nelle ore notturne.

La più comune patologia dell’orecchio nei bambini è sicuramente l’otite ed è causata, in genere, da virus e batteri, e si manifesta con una infiammazione del canale uditivo esterno o medio. In estate, ad esempio, è molto frequente quella causata dall’accumulo di acqua nel canale uditivo. Quest’ultima, pur non essendo infettiva, può provocare arrossamento del canale uditivo, prurito, secrezione di liquido, febbre e anche ingrossamento dei linfonodi. L’otite media può presentarsi con febbre e irritabilità, pianto inconsolabile e sonno disturbato, diarrea e abbassamento dell’udito.

Nei bambini, il sistema immunitario è più debole e anche le tube di Eustacchio sono più piccole, rendendo più difficoltosa la fuoriuscita di liquidi, e quindi queste problematiche non sono infrequenti. Curare l’otite nei bambini è fondamentale per scongiurare il sopraggiungere di complicanze più serie, fortunatamente piuttosto rare, dalle quali possono scaturire patologie come la mastoidite, la labirintite, la meningite, oltre ad altre malattie rare. Per questo è sempre fondamentale rivolgersi a dei professionisti, come ad esempio https://www.audiovita.it/it/apparecchi-acustici/apparecchi-per-bambini/, in grado di supportarci e intervenire tempestivamente per prevenire l’insorgere di conseguenze più complesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>