Fermenti lattici, perché sono così importanti per l’intestino 

di Gianni Puglisi Commenta

Nel corso degli ultimi anni si sta ponendo sempre più attenzione all’equilibrio intestinale, dato che è uno dei principali indicatori di un benessere più generale del corpo umano. Non è un caso che l’intestino venga considerato una sorta di secondo cervello.

Ci sono ormai ricerche su ricerche che riguardano tale tematica e che mettono in evidenza il legame costante e continuo che intercorre tra il cervello e l’intestino e di quanti questi due organi si possano influenzare a vicenda. Provate a pensare agli stati di ansia e di tensione, che vanno inevitabilmente a riflettersi negativamente sulla funzionalità intestinale, causando una serie di disturbi che possono essere caratterizzati da vari livelli di gravità.

L’importanza dei fermenti lattici

Proprio in virtù del fatto che l’intestino è una delle componenti più importanti dell’organismo umano, bisogna sottolineare come sia decisamente utile informarsi sempre su come poter mantenere sempre intatto tale equilibrio. In tal senso, il ruolo della flora intestinale è da mettere in evidenza, anche se purtroppo sono numerosi gli elementi che possono condizionarne le funzionalità e provocare dei problemi. Per queste ragioni, si consiglia sempre di valutare l’uso di appositi fermenti lattici per garantire una vera e propria rigenerazione della flora intestinale che è stata alterata.

Quali probiotici scegliere?

Va bene i fermenti lattici, ma gli operatori sanitari consigliano spesso e volentieri di usare degli specifici integratori alimentari per favorire l’equilibrio della flora intestinale. Non tutti i probiotici, rispetto a quello che si potrebbe pensare, sono uguali. Tanti probiotici, purtroppo, non sono in grado di resistere all’attacco dei succhi gastrici e, di conseguenza, non riescono a raggiungere l’intestino per mettere in atto la loro funzionalità positiva.

Uno dei probiotici più efficaci dal punto di vista della resistenza rispetto ai succhi gastrici corrisponde sicuramente a Enterogermina Sporattiva integratore alimentare. Enterogermina riesce a distanziarsi rispetto a tutti gli altri prodotti simili presenti sul mercato per via di una notevole capacità di termoresistenza. Riesce a contrastare e a resistere efficacemente all’azione dell’antibiotico e, di conseguenza, si è posta come uno dei migliori probiotici da assumere contestualmente ad una cura antibiotica.

È interessante notare come la formulazione di Enterogermina Sporattiva integratore alimentare sia stata realizzata a base di Bacillus clausii, del ceppo SIN, con zinco e selenio: una soluzione studiata proprio per cercare di garantire la migliore attività benefica possibile per l’intestino. In modo particolare nei bambini, Enterogermina si è voluta concentrare nella ricerca dei migliori fermenti lattici da sfruttare per permettere un corretto ed efficace ripristino della flora intestinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>