Spiagge verdi, quando la vacanza al mare è a misura di bambino

di Gianni Puglisi Commenta

spiaggie verdi

Quando si pensa alle spiagge verdi, spesso si è portati a pensare a distese incontaminate di sabbia inframezzate dalla natura più selvaggia. In realtà, non è proprio così. Infatti, in Italia si è soliti parlare di spiagge verdi in riferimento a zone sul mare che siano sotto ogni aspetto a misura di bambino.

Anche nel 2018 sono diverse le spiagge italiane che i pediatri hanno deciso di proclamare a misura di bambini: si tratta ben 136 località, con due novità che rendono la Calabria la Regione numero uno per quanto riguarda le mete che hanno ricevuto un premio con la Bandiera verde 2018. Interessante notare come i pediatri italiani abbia inserito un’altra località, Malaga, che si trova in Spagna, ma che soddisfa molto bene tutti i requisiti necessari.

I criteri da rispettare per poter stabilire che una spiaggia sia “verde” sono piuttosto semplici da intuire. L’acqua deve essere limpida e pulita, ma anche bassa nei pressi della riva. La sabbia deve essere fine e ci deve essere lo spazio per permettere ai bambini di costruire dei splendidi castelli. Molto importante la presenza di bagnini specializzati e di scialuppe di salvataggio a norma. È da sottolineare la presenza di stabilimenti che possano offrire degli spazi in cui poter cambiare comodamente il pannolino piuttosto che allattare i figli. Non devono ovviamente mancare dei locali, come ristoranti e bar, che siano adatti a mangiare e bere in totale serenità e all’ombra.

Secondo i pediatri è importante anche che tra i vari ombrelloni ci sia un po’ di spazio per consentire ai figli di giocare e divertirsi. In ogni caso, le spiagge attrezzate devono essere sinonimo di efficienza e pulizia per potersi fregiare della denominazione di mete a misura di bambino, esattamente come le spiagge di Cesenatico e di Gatteo Mare. Se la vostra destinazione è in Romagna, l’Hotel Paglierani è un’ottima soluzione adatta alle esigenze di famiglie e bambini.