Più acne da giovani, meno rughe da vecchi!

di Ma.Ma. Commenta

Più acne da giovani, meno rughe da vecchi! Questo, in sintesi, il risultato di una ricerca condotta King’s College di Londra, e riportata dal Telegraph che dona nuove speranze a chi, specie nella fase dell’adolescenza, lotta ogni giorno con fastidiosi brufoli che colpiscono la pelle del viso soprattutto.

Stando a quanto affermato dai ricercatori sopra menzionati, coloro che sono perseguitati dai brufoletti potrebbero mantenere la pelle giovane più a lungo. Il motivo sarebbe scientificamente spiegato. Le cellule sviluppano una sorta di protezione integrata contro l’invecchiamento, che permette di migliorare il proprio aspetto e ritardare le rughe durante la vita adulta. Insomma chi soffre di acne da giovane potrebbe poi rifarsi con gli interessi in fase più adulta, potendo vantare una pelle più tonica e liscia nonostante l’avanzare dell’età. Lo studio è stato condotto su globuli bianchi prelevati da individui affetti da acne. Analizzandoli si è arrivati a capure che i globuli prelevati da chi soffre di questo disturbo avrebbero dei telomeri più lunghi del normale (i telometi sono parti del Dna e secondo alcuni studi il loro accorciamento a ogni ciclo replicativo è associato all’invecchiamento cellulare).

Per questo motivo, insomma, coloro che soffrono di acne avrebbero più possibilità di mantenere la pelle del viso tonica e giovane. Una ricerca davvero curiosa: ma sarà davvero così? Davvero brufoli rossi e infiammati possono rappresentare la chiave di svolta per una pelle sempre fresca?

Ti potrebbe interessare anche:

 COME RIDURRE LE CICATRICI DELL’ACNE

ACNE, UN PROBLEMA CHE NON DEVE ESSERE SOTTOVALUTATO

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>