I consigli dei pediatri per le famiglie in vacanza – seconda parte

di Pina Commenta

Ci sono tanti consigli per le famiglie in vacanza e in particolare per le famiglie che vanno al mare. I pediatri vogliono abbandonare i cliché legati alla tradizione popolare e dare dei consigli veramente utili per evitare ansie e incidenti di ogni tipo. 

Dopo aver enucleato i 5 consigli per la cura della pelle, la protezione dai raggi solari e il momento giusto per fare il bagno, arriviamo agli altri cinque suggerimenti per i genitori alle prese con il caldo eccessivo.

  • Quando è possibile, “usare l’aria condizionata, sia in casa sia in auto. Si può utilizzare senza problemi anche di notte”, anzi si otterranno tutti i vantaggi di un’atmosfera più gradevole e amica del sonno, ma è bene non regolarla in modo che sia troppo bassa.
  • L’aereo allevia molti disagi degli spostamenti, soprattutto quando sono molto lunghi. Tutti possono prendere l’aereo, anche i bambini appena nati, che possono andare anche in barca.
  • Il pomeriggio deve andare a dormire solo chi ha sonno, perché abituare il bimbo a stare sveglio a letto può favorire la comparsa dell’insonnia, che è il disturbo del sonno più diffuso. E’ opportuno anche non farlo dormire troppo al pomeriggio per evitare le difficoltà ad addormentarsi la sera.
  • Quando bambini e adolescenti non hanno fame, “non vanno forzati a mangiare”. In estate è prevedibile che abbiano meno appetito. Soprattutto nelle giornate afose bambini e adolescenti rifiutano i cibi caldi (per esempio il latte o il tè) anche per la prima colazione. Per evitare che saltino la prima colazione che, invece, è fondamentale basterà fargli scegliere ciò che vogliono. I genitori possono proporre yogurt, prosciutto e melone, succhi di frutta, latte freddo, eventualmente con cereali secchi. Per gli altri pasti è bene far scegliere ai bambini i cibi che gradiscono maggiormente. Il gelato può sostituire un pasto principale, per esempio merenda o spuntino di metà mattinata, o anche la prima colazione, “ma non deve essere dato mai fuori pasto”.
  • L’acqua è la bevanda ideale soprattutto d’estate. Va bene anche gassata e fresca. L’anidride carbonica contenuta nelle bollicine della minerale gassata ne rallenta la contaminazione da parte dei batteri, perciò è più difficile che d’estate si infetti. No, infine, alle bibite ‘ghiacciate’, “anche se comunque il bambino direbbe che ‘pizzicano’ e non le berrebbe”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>