Omeopatia contro gli eritemi solari

di Ma.Ma. Commenta

Gli eritemi solari sono spesso conseguenza di una non corretta esposizione al sole. Come prevenirli e come invece curarli quando hanno già fatto capolino? L’omeopatia è in grado di rivestire un ruolo molto importante contro questo disturbo: ecco quali sono i rimedi maggiormente consigliati che possono aiutare la pelle a difendersi dagli eritemi.

omeopatia contro eritemi solari

Intanto c’è da fare una premessa: la prevenzione è d’obbligo quando ci si espone al sole, ecco perché è sempre cosa saggia usare una crema con fattore di protezione elevato, evitare le ore del sole più calde, indossare un cappello o una maglietta se proprio ci si trova in spiaggia all’orario del pranzo. La pelle è delicata, i raggi ultravioletti sono dannosi, se si vuole proteggere la pelle in modo corretto serve un po’ di intelligenza. Ma come dicevamo un buon kit omeopatico può essere utile. La dottoressa Fulvia Spallino, medico di famiglia esperta in omeopatia, indica i rimedi maggiormente efficaci contro gli eritemi solari.

PROTEGGERE LA PELLE DAL SOLE: SCEGLIAMO LA GIUSTA CREMA

Contro eritema e ustioni i medicinali omeopatici possono essere d’aiuto fin dalla prevenzione, dove in genere consiglio Histaminum 9 CH, 5 granuli 1-2 volte al giorno. La terapia va iniziata almeno 2 settimane prima dell’esposizione al sole. Quando invece il danno è già fatto e ci accorgiamo di esserci scottati o di aver sviluppato un eritema solare, consiglio sia per adulti che per bambini l’assunzione di Apis mellifica 15 CH e Histaminum 9 CH, 5 granuli di ognuno ogni 30 minuti, diradando l’assunzione in base al miglioramento dei sintomi. A livello topico poi è possibile alleviare prurito e fastidio dell’eritema e delle ustioni solari applicando Ciderma, una pomata da spalmare sulla pelle pulita 1-2 volte al giorno, evitando l’esposizione al sole delle parti interessate, dato che contiene Hypericum perforatum, dall’azione fotosensibilizzante. In seguito, si può procedere idratando la pelle con una crema alla Calendula.

Foto | Thinkstock

Fonte | Informazioni e consigli a cura della dottoressa Fulvia Spallino, medico di famiglia di Roma