I 10 cibi che fanno abbronzare di più

di Pina Commenta

Giocare d’anticipo e approfittare del miglior sole di sempre, vuol dire mettere in cassaforte un’abbronzatura senza eguali. Non tutti sanno però che ci sono dei cibi che fanno abbronzare più di altri. Ecco quali sono tra frutta e verdura, i migliori alleati contro il caldo e a favore della tintarella.

Secondo la Coldiretti che ogni anno fa un elenco dei cibi abbronzanti, all’alimentazione corretta bisogna associare anche una corretta esposizione al sole. Ecco allora i consigli per chi inizia a preoccuparsi della tintarella.

Alla buona alimentazione – spiega la Coldiretti – vanno accompagnate regole di buon senso nell’esposizione al sole soprattutto all’inizio della stagione. E’ quindi importante conoscere il proprio fototipo ed utilizzare creme adeguate alla propria pelle, soprattutto su bambini, ridurre al minimo le esposizioni ai raggi solari, specie nelle ore centrali della giornata, non esporsi al sole con profumi ed essenze e – conclude la Coldiretti – utilizzare indumenti adeguati (cappelli, magliette, occhiali).

Riguardo gli alimenti l’elenco è presto fatto e nasce dalla considerazione delle proprietà nutritive di ogni alimento.

Per il loro alto contenuto di vitamina A, che stimola la produzione di melanina, favorendo quindi una tintarella naturale. Al primo posto della classifica della Coldiretti troviamo ancora una volta lecarote, abbronzante naturale per eccellenza, che contengono 1200 microgrammi di vitamina A (o quantità equivalenti di caroteni) ogni 100 grammi di polpa. Al secondo posto ci sono invece i radicchi, che ne contengono circa la metà, mentre al terzo le albicocche, seguite immediatamente da cicoria, lattuga, melone giallo e sedano, peperoni, pomodori, ma anche pesche gialle, cocomeri, fragole e ciliegie, che evidenziano comunque contenuti elevati di vitamina A o caroteni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>