Frutti di mare contro l’Alzheimer per la felicità dei marittimi

di Pina Commenta

Chi fa un ampio consumo di frutti di mare, si mette al riparo dall’Alzheimer, sembra infatti che questi cibi siano in grado di formare una specie di scudo attorno al cervello impedendo le malattie degenerative. Una spiegazione semplice che andiamo a sviscerare di seguito. 

L’Adnkronos fa capire che esiste un legame tra mercurio, frutti di mare e Alzheimer. I frutti di mare contengono una dose di mercurio utile a limitare l’insorgenza della malattia citata. Ecco come si spiega il tutto:

Uno studio Usa pubblicato su ‘Jama’ suggerisce infatti l’effetto-scudo di molluschi e crostacei nelle persone predisposte per Dna a cadere vittima del ‘ladro della memoria’: gli adulti più anziani ad alto rischio di Alzheimer perché portatori del gene ApoE4, che consumano almeno una porzione di frutti di mare alla settimana, mostrano meno alterazioni cerebrali associate alla patologia neurodegenerativa. Un beneficio che non viene invece riscontrato in chi mangia settimanalmente l’alimento, ma non presenta il gene del rischio Alzheimer.

I ricercatori hanno anche valutato i livelli cerebrali di mercurio, metallo che i frutti di mare possono contenere e dal quale si temono effetti neurologici. Dall’osservazione è emerso che il consumo di coquillage e simili è collegato a un aumento delle concentrazioni di mercurio nel cervello, ma non a maggiori depositi di proteine beta-amiloide e tau, marker di Alzheimer.

L’obiettivo del lavoro era capire se il consumo di frutti di mare fosse collegato ai livelli cerebrali di mercurio, e se questi 2 fattori avessero un ruolo nelle alterazioni neurologiche responsabili di Alzheimer e altre forme di demenza.

Per arrivare ai risultati sono quindi stati analizzati i cervelli di 286 pazienti deceduti, età media 90 anni circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>