Cosa accade dopo una riduzione del seno – II

di Pina Commenta

Magari non ci avreste scommesso, eppure la riduzione del seno è uno degli interventi chirurgici più richiesti. Probabilmente da ragazze avrete sognato di avere un seno prosperoso ma la realtà per chi ce l’ha è meno “da sogno”. Le donne che hanno un seno molto grosso lamentano spesso pesanti disturbi alla schiena, al collo, alle spalle, compressione del nervo e così via.

È così che la riduzione del seno è diventata una pratica piuttosto diffusa e i risultati di questa operazione sono il più delle volte molto positivi e soddisfacenti. A parte il miglioramento della salute, molte donne sostengono persino di vedersi più sexy dopo l’operazione.

Ma vediamo, con l’aiuto di health.com, tutto quello che c’è da sapere e cosa aspettarsi dopo un’operazione di riduzione del seno:

reggiseno

4. Addio ai segni sulle spalle

Un problema di chi ha il seno molto grosso sono sicuramente i segni lasciati dal reggiseno sulla pelle. Il peso del seno incide completamente sulle spalle e se non si ha un supporto inadeguato si rischia di avere segni profondi, persino vere e proprie rientranze. Un inestetismo davvero inaccettabile per molte donne. Con una riduzione del seno vedrete attenuarsi anche questo problema.

5. Aspettativi qualche cicatrice

Ci sono anche aspetti meno belli di questa operazione che non si possono omettere. Le cicatrici sono sicuramente uno di questi. La pelle del seno è molto sottile e sensibile e lasciare un segno dopo un’operazione è inevitabile. Chi ha avuto un taglio cesareo, ad esempio sa cosa aspettarsi. Tuttavia per molte donne i vantaggi superano di gran lunga l’inestetismo di una piccola cicatrice.

6. Le dimensioni del seno potrebbero variare per un po’

Ci vogliono circa 3 mesi affinché un seno si “assesti” nella sua nuova forma dopo un’operazione di riduzione. Il seno può gonfiarsi per qualche tempo, per poi restringersi, insomma in questo periodo è bene fare anche attenzione ai reggiseni che si acquistano. La taglia definitiva arriverà dopo un po’ dall’operazione.

Continua…

Photo Credits |Leszek Glasner/ Shutterstock