Cosa accade dopo una riduzione del seno

di Pina Commenta

Magari non ci avreste scommesso, eppure la riduzione del seno è uno degli interventi chirurgici più richiesti. Probabilmente da ragazze avrete sognato di avere un seno prosperoso ma la realtà per chi ce l’ha è meno “da sogno”. Le donne che hanno un seno molto grosso lamentano spesso pesanti disturbi alla schiena, al collo, alle spalle, compressione del nervo e così via.

È così che la riduzione del seno è diventata una pratica piuttosto diffusa e i risultati di questa operazione sono il più delle volte molto positivi e soddisfacenti. A parte il miglioramento della salute, molte donne sostengono persino di vedersi più sexy dopo l’operazione.

Ma vediamo, con l’aiuto di health.com, tutto quello che c’è da sapere e cosa aspettarsi dopo un’operazione di riduzione del seno:

correre

1. L’esercizio fisico migliora

Andare in palestra o fare del semplice jogging può essere un vero problema per chi ha il seno grosso. Molte donne indossano più di un reggiseno per fare attività fisica, ma anche il questo caso resta comunque il peso che peggiora i problemi al collo e alla schiena. Dopo una riduzione del seno molte donne hanno aumentato l’esercizio fisico proprio perché l’attività è migliorata notevolmente.

2. I vestiti si adattano meglio al corpo

A volte il seno molto grosso non è per niente proporzionato al resto del corpo, e spesso questo rende più difficile trovare camicie o abiti che si adattino correttamente al corpo, o semplicemente indossare un reggiseno senza spalline. Dopo l’operazione molte donne hanno finalmente risolto questo problema.

3. Trovi con facilità un reggiseno

Con una riduzione del seno finisce finalmente la caccia al tesoro, ovvero la ricerca disperata del reggiseno perfetto. Una donna può finalmente entrare in un negozio, al centro commerciale e scegliere il reggiseno che più le piace. Cosa impossibile per un seno molto grosso per il quale invece un reggiseno deve rispondere necessariamente a precisi canoni. In più spesso sono anche più costosi.

Continua…

Photo Credits |Monkey Business Images/ Shutterstock