L’importanza delle fibre nella dieta

di Pina Commenta

Le fibre alimentari sono elementi parte di alcuni alimenti vegetali, commestibili e resistenti agli enzimi digestivi umani. Ciò significa che il nostro corpo non è in grado di assorbirle e le elimina direttamente dal tratto intestinale, che così resta pulito e sgonfia la pancia.

Queste in natura possono essere solubili, e si trovano per lo più nella frutta e nei legumi, oppure insolubili, e si trovano soprattutto nelle verdure e nei cereali integrali.

L’importanza delle fibre, in particolar modo di quelle solubili risiede nella capacità di ridurre l’assorbimento dei grassi e degli zuccheri. Ciò significa che queste fibre aiutano a controllare i livelli di glucosio nel sangue. Inutile ribadire la loro già nota capacità di fungere da probiotici, favorendo la crescita di batteri utili nell’intestino.

A favorire invece lo svuotamento intestinale, depurandoci, ci pensano le fibre insolubili. Ma vediamo meglio l’azione delle fibre.

Nello specifico, le fibre solubili aiutano a combattere la colesterolemia, diminuiscono la glicemia, mentre quelle insolubili facilitano il transito intestinale, riducono l’assorbimento dei grassi e delle calorie, hanno un’azione disintossicante e anticancerogena.

Come dicevamo, gli alimenti maggiormente ricchi di fibre sono i legumi, come fagioli, ceci, piselli, lenticchie, i cereali, soprattutto integrali, le verdure e gli ortaggi, la frutta fresca ed anche la frutta secca a guscio, come mandorle, noci, nocciole ed anche essiccata come fichi secchi, prugne secche e così via.

La dose consigliata di fibre giornaliere da assumere, è di circa 25 grammi, da assumere introducendo nella dieta gli alimenti di cui vi abbiamo parlato.

Photo Credits |lola1960/ Shutterstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>