Legge di Stabilità 2015: dalle vittime dell’amianto alla fecondazione assistita, cosa cambia

di Pina Commenta

Il 29 dicembre scorso è stata ufficializzata la Legge di Stabilità per il triennio 2015-2017 e qui vogliamo parlarvi di alcuni aspetti che riguarderanno la salute.

Fra i punti principali delle nuove disposizioni troviamo la questione amianto, il potenziamento della salute pubblica, le emergenze sanitarie e l’assistenza domiciliare e territoriale.

Partendo proprio dalla questione amianto, sono previsti nuovi fondi per le vittime e per le bonifiche. Già la legge finanziaria del 2008 prevedeva risarcimenti alle vittime di cancro da esposizione all’amianto ma questa nuova Legge di Stabilità estende questo diritto a tutti i tipi di esposizione, ad esempio a coloro che vivono nei pressi di fabbriche contaminate. In più ci saranno importanti bonifiche nelle zone di interesse nazionale.

Per quanto riguarda le emergenze sanitarie, la Legge prevederà un stanziamento di fondi proprio per il potenziamento delle misure di sorveglianza e per rafforzare i livelli di controllo di profilassi internazionale.

Una novità interessante riguarda lo stanziamento di fondi per le dipendenze da gioco in modo da garantire una terapia contro il cosiddetto gioco d’azzardo patologico.

Novità anche sul fronte fecondazione assistita, ci sarà infatti il il Registro nazionale dei donatori di cellule riproduttive a scopi di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo. Questo consentirà la corretta tracciabilità del percorso delle cellule dal donatore al nato e viceversa. Questo include altre implicazioni, come il rispetto di un numero massimo di soggetti nati dallo stesso donatore.

Molto importante anche la questione dei Livelli essenziali di assistenza (LEA), che verranno certamente aggiornati su più fronti.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito della norma.

Photo Credits |Levent Konuk/ Shutterstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>