Sport e alimentazione: come coniugarli d’inverno

di Redazione Commenta

Spread the love

Al giorno d’oggi il vantaggio massimo per il proprio apparato cardiaco (il quale ha bisogno dello sport) in termini di riduzione della colesterolemia LDL e del rischio cardiovascolare, si guadagna con 5 sedute settimanali di attività fisica aerobica, a intensità non elevata (ciò equivale insomma a una camminata a 4/5 km/h), per 30-40 minuti al giorno.

Un ottimo compromesso? Oppure, lo stesso vantaggio si ottiene con almeno 3 allenamenti alla settimana di mezz’ora l’uno a una intensità più elevata, come avviene, ad esempio, quando si pratica jogging o ginnastica aerobica. L’abbinata con esercizi che prevedano l’utilizzo di pesi modesti, manubri o bande elastiche, è oggi considerata uno dei migliori protocolli contro sovrappeso e obesità. E’ preferibile optare, se possibile, per un allenamento pomeridiano: il mattino presto è, infatti, il momento in cui frequenza cardiaca e pressione arteriosa registrano il maggiore aumento di natura fisiologica.

Quali cibi coniugare allo sport

Bisogna il più possibile eliminare dalla propria dieta, nel caso in cui si desidera proteggere la salute dell’apparato cardiovascolare, i cibi di origine animale (wurstel, hot dog, hamburger, carne rossa), e i latticini (burro, panna, formaggi) ricchi di grassi saturi, in gran parte responsabili della formazione di placche in grado di ostruire le arterie. Semaforo rosso anche per le uova composte per il 70% da grassi per lo più saturi e da abbondante colesterolo, una sostanza che l’organismo produce autonomamente e che è bene evitare di introdurre in surplus con la dieta. Ben poco salutari anche la margarina e tutti i prodotti confezionati da forno, in cui sono presenti in abbondanza i grassi cosiddetti trans, ottenuti dai processi di idrogenazione di oli vegetali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>