La cellulite si combatte con frutta e verdura

di Mariella Commenta

Al convegno ‘La salute nel piatto’ svolto a Roma, si è evidenziato che la cellulite si combatte con frutta e verdura, e, per chi pensa che sia troppo presto per pensare alla fatidica prova costume, si sbaglia. Bisogna cominciare subito per arrivare all’estate in perfetta forma, tenuto conto del detto: chi ha tempo, non aspetti in tempo.

Mancano circa quattro mesi, il tempo necessario per dire addio agli inestetismi della buccia d’arancia. Da dove si comincia? Dalla dieta naturalmente, come ha sottolinearo al convegno romano Pier Antonio Bacci, docente di medicina estetica all’Università di Siena, che ha spiegato:

In 10 giorni i primi effetti apprezzabili, 30 giorni per un miglioramento evidente e da qui a giugno i risultati sono quelli sperati perché con questa dieta cala l’acidità e i tessuti si sgonfiano.

Fondamentale è il colore della frutta e verdura, è anche un fattore psicologico, soprattutto fresche di stagione e ben distribuita nei cinque pasti della giornata. La cellulite si combatte con frutta e verdura, questo è il trucco di cui parlano gli esperti, almeno un chilo al giorno, preferendo una macedonia piuttosto che un unico frutto, ad esempio mezza mela con qualche acino di uva bianca e rossa e spicchi di mandarino. Inoltre, bisogna eliminare gli zuccheri, i cibi surgelati e precotti e quelli che contengono conservanti.

Pier Antonio Bacci ha suggerito un programma giornaliero che non esclude carne e pesce, al contrario, è una costante della cena. Ma vediamo nello specifico cosa suggerisce il docente universitario per eliminare la cellulite:

  • Colazione: eliminare latte e biscotti e preferire pane e olio o prosciutto;
  • Pranzo: pasta senza utilizzare soffritti di alcun genere e verdure crude;
  • Cena: carne o pesce, senza condimenti, accompagnati da legumi e verdure crude;
  • Nell’arco della giornata consumare un chilo di frutta, sotto forma di macedonia, soprattutto variare molto la tipologia, suddivisa nei cinque pasti della giornata, colazione, pranzo, cena e i due spuntini a metà mattina e metà pomeriggio.

Come detto, lo specialista ha evidenziato che i primi risultati saranno visibili entro i primi dieci giorni, nell’arco di un mese saranno sicuramente più apprezzabili. Con l’arrivo dell’estate, la temuta prova costume sarà brillantemente superata.

Photo credit: Public Domain Photos su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>