Laura Torrisi è celiaca

di Braganti Commenta

Laura Torrisi è una delle tantissime persone ad essere celiaca; la sua diagnosi, come in questi casi purtroppo spesso accade è arrivata piuttosto tardi, solamente nel 2009. La bellissima Laura, moglie di Leonardo Pieraccioni e mamma della piccola Martina racconta in un’intervista ad Ok Salute il suo calvario e quanto ha sofferto prima che venisse fatta una diagnosi certa di celiachia.

Rivela

Fino a qualche anno fa pensavo di avere un brutto carattere e di essere lunatica oltre ogni limite. Non capivo il perché dei continui cambiamenti di umore e non li ricollegavo minimamente ai disturbi gastrointestinali sempre più frequenti: gonfiori, dolori, diarrea improvvisa. La diagnosi di celiachia, nel 2009, ha spiegato tutti quei sintomi

Tutto però ebbe inzio molto tempo prima quando Laura aveva solo 9 mesi

Il primo episodio acuto risale a quando avevo nove mesi. Secondo il pediatra si trattava di allergia al latte, mi hanno raccontato i miei genitori, e me la sono vista brutta: sono finita in coma. Al Policlinico di Catania, dove ero stata ricoverata, hanno però escluso potesse trattarsi di celiachia. Secondo i medici si trattava di una semplice intolleranza generica, che si sarebbe risolta con la crescita

Poichè nessuno lo dignosticò la celiachia, Laura prima da bambina e poi da adolescente non seguì mai la dieta corretta che avrebbe potuto aiutarla ad alleviare tutti quei fastidi. La Torrisi prosegue la sua storia spiegando

Nel 2008 i dolori sono diventati insopportabili e la gastroscopia con prelievo dei villi intestinali ha confermato il sospetto di celiachia. All’ospedale fiorentino di Careggi, dove mi sono rivolta quattro anni fa, si sono meravigliati che nelle mie condizioni di celiaca al secondo stadio riuscissi a fare ancora una vita tutto sommato normale. Il medico mi ha mostrato le riprese del mio intestino: non rosato e ben lubrificato come nei pazienti sani, ma a chiazze violacee che indicano una profonda sofferenza dei tessuti. Da allora il glutine è il nemico numero uno, per me, e tutti gli alimenti che lo contengono sono banditi dalla mia tavola

Si può quindi convivere con la celiachia; la speranza per il futuro è che vengano fatte diagnosi il più presto possibile.

Photo Credits| Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>