Donne celiache a rischio depressione e disturbi alimentari

di Braganti Commenta

 

Secondo i risultati di una ricerca compiuta da alcuni ricercatori della Penn State, Syracuse University e la Drexel University le donne celiache sarebbero più predisposte al rischio di andare incontro a depressione e disturbi alimentari anche quando seguono una dieta per celiaci. Ricordiamo che la celiachia è una malattia autoimmune e chi ne è affetto può soffrire di dolori addominali, diarrea, nausea, vomito e inappetenza.

Secondo Josh Smyth, un professore della Penn State le persone che non riescono a gestire la malattia possono essere maggiormente esposte allo stress e spesso possono anche essere colte da un profondo malessere che nei casi più gravi può anche sfociare nella depressione. Il Professor Smyth e i suoi colleghi hanno quindi analizzato un campione di 177 donne americane, di età superiore ai 18 anni e dalle risposte fornite è emerso che le donne che seguivano in maniera più scrupolosa la dieta erano più contente e più sane; però anche le persone che erano in grado di gestire meglio la malattia sono risultate essere più soggette a depressione.

Sembra che le donne celiache abbiano dei pensieri negativi e un’immagine non positiva del proprio corpo e questo per Smyth in un certo senso è comprensibile; i celiaci devono necessariamente stare attenti a ciò che mangiano, devono controllare scrupolosamente i cibi. Non riescono a vivere serenamente neanche un invito al ristorante: tutto questo può causare stress.

Suggerisce ( e sono d’accordo) di educare i pazienti non solo alla dieta corretta ma anche verso quelle difficoltà che potrebbero incontrare, cercando quindi di fornire loro gli strumenti giusti per affrontare gli spetti psicologici, sociali e comportamentali della malattia per farli vivere nella maniera più normale.

Mi sembra uno studio molto importante che necessita comunque sia di ulteriori approfondimenti.

Via| Penn State

Photo Credits| emmabrunetti su Flickr

Articoli correlati

In aumento il consumo di cibi senza glutine

Gluten free fest: il festival senza glutine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>