Melanoma, come riconoscerlo, le cause principali

di Mariella Commenta

C’è chi considera i nei un’arma di seduzione, per altri sono un inestetismo. Di sicuro, queste piccole macchie sulla pelle vanno sempre osservate con attenzione, perchè a volte possono rappresentare un pericolo per la salute trasformandosi in melanoma, un tumore della pelle che si combatte solo se si interviene subito. Per fortuna, importanti progressi nella comprensione del meccanismo di difesa del corpo hanno portato allo sviluppo di nuove cure che hanno la capacità di potenziare la risposta immunitaria.

Il melanoma può formarsi su un neo presente o comparire sulla cute sana, in qualsiasi parte del corpo. Ecco perchè occorre controllare periodicamente tutti i nei e fare attenzione a eventuali loro cambiamenti di forma e colore. Nelle donne di solito si localizza sulle gambe e sui piedi, negli uomini sulla schiena.

Il rischio di sviluppare un melanoma è legato sia a fattori di rischio costituzionali sia a situazioni ambientali. Ecco quelli più importanti.

Il sole
L’eccessiva esposizione al sole sembra essere il fattore ambientale più importante, poichè l’avere un elevato numero di nei, pur rappresentando un fattore di rischio, è certamente influenzabile da questa abitudine. In particolare, bisogna fare attenzione a non esporsi nelle ore più calde della giornata, cioe tra le 11 e le 16. Attenzione ai lettini solari, ai quali molte persone ricorrono, soprattutto in primavera, per diventare scure prima delle vacanze.

La carnagione chiara
Anche il tipo di carnagione è un fattore molto importante da considerare quando una persona si espone al sole, le persone più a rischio sono quelle con pelle chiara, capelli rossi o biondi, occhi chiari e una ridotta capacità di abbronzarsi. Le loro difese naturali contro gli UV sono minori, poichè producono melanina in modo scarso e poco efficiente.

La scottatura in età giovanile
Il rischio di melanoma è particolarmente elevato si sono verificate forti scottature al di sotto dei 20 anni e, soprattutto, nell’infanzia. La somma delle scottature solari subite da bambino, infatti, viene oggi considerata una delle cause più importanti di evoluzione dei nei in melanomi maligni dell’adulto.

La familiarità
C’è predisposizione allo sviluppo di un melanoma se si è già stati curati per un tumore della pelle, se si hanno parenti di primo grado che sono stati colpiti in passato da un melanoma e se si hanno molti nei, irregolari oppure di grandi dimensioni.

Photo Credit: 99 Health Plus su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>