Crema da giorno, come scegliere quella giusta

di Mariella Commenta

Scegliere la crema da giorno è un po’ come farlo per l’abito che si indossa, l’idratante è il cosmetico base e indispensabile. Utilizzare un prodotto non adatto alle esigenze della propria pelle, mette a rischio la salute della pelle. Innanzitutto bisogna evitare gli errori più frequenti, ad esempio, mai applicare sulla pelle disidratata, ma tendenzialmente grassa, una crema adatta alle pelli secche, si rischia di chiudere i pori con la conseguente formazione di punti neri. Chi preferisce texture ricche, dovrà scegliere quelle specifiche per pelli grasse.

L’altro comune errore è stendere un prodotto opacizzante sulla pelle secca, studiate per contrastare l’effetto lucido, le creme opacizzanti contengono sostanze troppo assorbenti per la pelle molto disidratata. Per ottenere l’affetto mat si può applicare la cipria in polvere sul fondotinta. Infine, mai usare una crema levigante con retinolo o acidi della frutta su una pelle sensibile perché può irritarla di più. In tal caso, è bene evitare sostanze ad azione esfoliante troppo decisa.

Se volete ravvivare un colorito spento, si può scegliere una crema in grado di agire su più fronti: ridurre le macchie, uniformare la grana della pelle, agire sulla microcircolazione. Se il problema sono le rughe, scegliete una crema antiage ad azione riempitiva. Se la pelle è sensibile serve un ipoallergenico senza profumi, mentre se è grassa, e a metà giornata appare lucida, la crema dovrà contenere sostanze assorbenti, in grado di regolare la produzione di sebo. In tutti i casi si può scegliere un idratante per il giorno, meglio se abbinato a un siero specifico, e una crema più mirata per la notte.

Chi vive al nord, in regioni fredde e umide, non userà lo stesso prodotto di chi sta al sud, dove raramente la temperatura scende sotto lo zero. Il clima rigido favorisce la disidratazione. Per chi passa ore all’aperto, la crema deve essere come un cappotto, un prodotto ultraricco. Il discorso vale anche per il sole; la protezione (almeno fattore 15) è d’obbligo, anche in città. A chi sta a lungo negli ambienti chiusi serve una crema molto ricca, con principi lenitivi per contrastare lo sbalzo termico.

Photo credit: librariangirl2008 su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>