La Dieta Montignac

di Redazione Commenta

Spread the love

Con la Dieta Montignac ideata da Michel Montignac, un nutrizionista francese obeso come i suoi genitori si può perdere peso mangiando (secondo lui il peso eccessivo è casusato dai cibi sbagliati che spesso ingeriamo e non dalla loro quantità); non si tratta di una dieta nel senso stretto del termine quanto più di un regime alimentare per riuscire a dimagrire. Si potrebbe quindi parlare  piuttosto di Metodo Montignac; il nutrizionista ritiene che gli alimenti con un indice glicemico particolarmente elevato facciano aumentare la glicemia ed inducano l’organismo umano a produrre molta insulina per farla abbassare. In questa dieta i carboidrati vengono consumati in maniera limitata e viene posta particolare attenzione anche alla loro associazione con tutti gli altri alimenti.

La Dieta Montignac prevede due fasi:

1) Fase del dimagrimento

proteine e grassi devono essere scelti con molta attenzione. Inoltre vanno inseriti nel regime alimentare solo quegli alimenti con indice glicemico non superiore a 35; in questo modo non c’è accumulo di lipidi e si attiva quello che viene chiamato “processo di destocaggio dei lipidi di riserva”.

2) Fase di stabilizzazione e prevenzione

questa fase può durare anche per tutta la vita e gli alimenti vengono scelti sempre considerando l’indice glicemico ma in un modo meno restrittivo.

Cibi consentiti nella Dieta Montignac

– frutta
– olio d’oliva, di girasole e di noci
– carne bianca
– carne rossa
– spinaci
– melanzane
– spinaci

Cibi non consentiti nella Dieta Montignac

– zucchero
– patate
– peperoni
– ravioli
– miele
– riso
– burro
– margarina

Non è un regime alimentare da usare per un lungo periodo perchè può provocare problemi al cuore e causare stanchezza. Qualcuno di voi l’ha provata?

Photo Credits| AmoreCaterina su Flickr

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>