Con la pillola anticoncezionale si vive più a lungo ma le donne non lo sanno

di Braganti Commenta

Siamo nel 2012 ma quando si parla di pillola anticoncezionale e di contraccezione pare ci sia ancora tanta ignoranza; pensate infatti che secondo i dati di una ricerca condotta in Germania, Francia, Gran Bretagna, Svezia e Romania e pubblicata all’interno della rivista Contraception le informazioni che le donne hanno su questo metodo contraccettivo sono poche. Il corretto funzionamento della pillola è conosciuto solo dal 2% delle donne in Europa.

Sono poi molte le donne ancora convinte che la pillola anticoncezionale faccia male e non bene; a questo proposito, Francesco Primiero dell’Università La Sapienza di Roma dice

I dati spiegano come mai resistano tuttora tanti pregiudizi e luoghi comuni su questo metodo. Il timore più diffuso è he la pillola possa essere dannosa per la salute, mentre numerose evidenze scientifiche indicano l’esatto contrario.

In particolare, un recente aggiornamento dei dati relativi alla mortalità tra le oltre 46.000 donne seguite per poco meno di 40 anni in un importante studio britannico ha dimostrato come, nel lungo termine, quelle che hanno fatto uso di contraccettivi orali vivano più a lungo. E migliora anche la qualità di vita: le formulazioni più recenti sono state sviluppate per offrire benefici aggiuntivi in termini di benessere risolvendo alcuni disturbi femminili molto diffusi

Quali? Ad esempio mestruazioni abbondanti che possono causare anemia e in alcuni casi anche problemi di concentrazione e affaticabilità; la pillola migliora poi anche l’acne. I paesi in cui l’uso della pillola è maggiormente diffuso troviamo il Portogallo, la Germania, l’Algeria, il Belgio e la Francia; l’Italia si trova agli stessi livelli di Tunisia (14,5%), Botswana (14,3%) e Iraq (14,6%).

Voi usate la pillola anticoncezionale? Cosa ne pensate dei dato di questa ricerca?

Via| agi

Photo Credits| HollywoodPimp su Flickr

Articoli correlati

Pillola anticoncezionale cosa devi sapere

Nuove pillole anticoncezionali: fanno bene per la sindrome premestruale ma causano trombosi