Prevenire l’influenza con le cure omeopatiche

di Mariella Commenta

prevenire-influenza-cure-omeopatiche

Non è detto che l’influenza si debba necessariamente subire, possiamo anche prevenirla con cure non convenzionali come l’omeopatia, sia per evitare il contagio sia per combattere il male di stagione più temuto che ogni anno mette a letto milioni di italiani con febbre alta, dolori muscolari e fastidiosi sintomi respiratori. L’omeopatia propone rimedi che mirano a stimolare le difese del corpo, messe a dura prova dai primi freddi, per attivare una protezione preventiva “aspecifica”, cioè rivolta non solo contro il virus influenzale, ma anche contro quei circa 200 ceppi virali parainfluenzali che, pur presenti tutto l’anno, approfittano della stagione fredda per scatenare raffreddore, tosse, mal di gola e febbre.

L’omeopatia si basa sul principio di similitudine, una sostanza in dosi forti è in grado di provocare un particolare disturbo in una persona sana, mentre se viene diluita e dinamizzata, può guarire quello stesso disturbo in una persona malata.

Per non ammalarsi
Il medicinale omeopatico per eccellenza, nella prevenzione della sindrome influenzale e parainfluenzale, è Anas barbariae 200 K, ossia l’estratto auto lisata, diluito e dinamizzato di fegato e cuore di anatra. Si trova in globuli, in tubetti monodose da prendere una volta alla settimana, a partire dall’autunno fino a marzo.

Ai primi sintomi
Sempre Anas barbariae 200 K è utile al manifestarsi dei primi sintomi, come senso di spossatezza, dolori articolari, mal di gola, per cercare di impedire l’evoluzione della malattia: in questo caso, si deve prendere una dose appena possibile, continuando poi ogni sei ore per i primi 3 giorni, passando quindi a una dose al mattino e una alla sera per altri 3 giorni, quando si è in fase acuta. In associazione, è utile Sticta polmonaria 5 CH, se compaiano secchezza della mucosa nasale e della faringe, ostruzione nasale, sensazione dolorosa di pesantezza alla radice del naso e tosse secca; oppure, Allium cepa 5 CH, per i primi segni di congestione nasale, con starnuti e naso gocciolante, mentre alla comparsa del mal di gola con febbre Belladonna 5 CH: per tutti il dosaggio è di 5 granuli ogni 2-3 ore.

Photo Credits: Dazzle.Noir.Supernova su Flickr

Articolo correlato:
Omeopatia, i rimedi per mal di testa e schiena