Sleepsex, fare sesso dormendo serza accorgersene, è un problema del sonno

di Mariella 1

C’è chi nel sonno parla, ride o piange, chi si alza e cammina, chi va in cucina e mangia, o addirittura si mette ai fornelli (parola dei medici). E poi ci sono i sonnambuli del sesso, quelli che mentre dormono gemono, sospirano, si toccano o tentano un approccio con il compagno di letto. Non è perversione, non è desiderio represso di tradimento, non è neppure una malattia sessuale o un problema psicologico. Lo sleepsex, o sonnambulismo sessuale, rientra piuttosto nella categoria dei disturbi del sonno e come tale richiede diagnosi e cure specifiche.

Lo sleepsex può colpire chiunque, uomini e donne di tutte le età. Sulle possibili cause si sta ancora indagando, ma gli esperti sono concordi nell’affermare che alcuni fattori possono favorirne la comparsa, come l’abuso di alcol e droghe, l’insufficienza di sonno, l’utilizzo di antidepressivi o una situazione di stress o stanchezza psicofisica eccessiva. Questi elementi predispongono allo sviluppo del sonnambulismo. Alcuni studi si sono poi soffermati sulla possibilità di una predisposizione genetica. Si è notato, infatti, che i disturbi parasonnici colpiscono circa il 10-15 per cento dei ragazzi sotto i 15 anni, una percentuale che scende al 2-4 per cento nella fascia adulta: la conclusione degli specialisti è stata che solo chi presenta alcune caratteristiche genetiche continua ad avere problemi di sonno anche dopo l’età dello sviluppo.

È molto difficile accettare una diagnosi di sleepsex, sia per chi ne soffre sia per chi gli vive acanto. Il partner, infatti, deve sostenere prima lo shock della scoperta, con comprensibili sentimenti d’incredulità, disagio e scetticismo, poi la responsabilità di mettere a conoscenza l’amato della sua condizione. Il malato deve fare i conti con la vergogna, la paura di essere giudicato male, la rabbia e la frustrazione per non essere capito. Le difficoltà di comprensione reciproche possono essere motivo di tensioni così forti da compromettere il futuro della relazione.

Come si manifesta lo sleepsex
Le attività del sonnambulo possono essere orientate su lui stesso o sulla persona che dorme accanto. Nel primo caso, il malato di sleepsex si limita ad atti di masturbazione, o mima con il corpo un rapporto sessuale, arrivando anche, in alcuni casi, all’orgasmo. Nel caso del coinvolgimento del partner, c’è un tentativo di approccio amoroso che va dal bacio fino a effusioni più spinte che, se corrisposte, possono sfociare nel rapporto completo. In quest’ultimo caso può seguire un risveglio, ma è frequente che la persona continui da dormire.

Come si cura lo sleepsex
Non ci sono ancora cure per lo sleepsex, né in Italia né all’estero, al momento le cure sono uguali a quelle delle altre parasonnie, basate sull’impostazione di corrette regole di igiene del sonno. Tra le più importanti: coricarsi e alzarsi a orari regolari ed evitare alcol, caffè e sostanze stimolanti nella seconda parte della giornata. Possono essere prescritti dallo specialista farmaci ansiolitici e miorilassanti (che rilassano i muscoli) a basse dosi e per brevi periodi.

Commenti (1)

  1. buon giorno io ho il colesterolo a 222 mi ha detto il medico che è alto ma posso mangiare il pesce crudo ??? e cosa posso mangiare oltre che mi ha tolto pasta pane formaggi latte ecc..vi ringrazio aspetto una vostra risposta ….premetto che ho 41 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>