Il russamento non è solo un fastidioso disturbo, a volte causa problemi, i modi per smettere

di Mariella Commenta

Il russamento può anche essere il campanello di allarme di una malattia, questo non significa che chiunque russi soffra di questo problema, ma che è opportuno, in questi casi, prestare particolare attenzione. L’emissione di rumore in corrispondenza a ogni ciclo di respiro non è un disturbo fisico, ma un problema con implicazioni di tipo più che altro relazionale. La sindrome da apnee ostruttive in sonno è invece un vero e proprio disturbo, che interessa solo un certo numero di russatori e che prevede un’interruzione del russamento per il verificarsi di un’apnea, ossia un blocco temporaneo del respiro. Quando queste pause si fanno molto frequenti, si parla di Osas.

In entrambi i casi l’origine del problema è un errore congenito della forma delle prime vie respiratorio: le tonsille, l’ugola, la lingua o il palato molto grossi possono restringere già in partenza le vie aeree superiori creando le premesse del russamento e delle apnee. Esiste una predisposizione genetica, è probabile che ci siano altri casi in famiglia. Non va dimenticato che russare è anche facilitato da una situazione di obesità e raffreddore.

Il primo indizio è l’interruzione del russamento nel corso della notte, perché queste pause corrispondono in genere con le apnee. È un aspetto di cui solitamente si accorge chi dorme accanto a chi russa. Più raro, è quando la persona che soffre di questo disturbo si sveglia con un senso di soffocamento. Importanti indicatori sono poi i sintomi del giorno dopo: stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di testa. Inoltre, la maggioranza di coloro che soffrono di Osas ha problemi di pressione alta, gli uomini hanno un ingrossamento della prostata e devono quindi alzarsi due-tre volte a notte per andare a urinare.

Gli esami specifici che permettono di raggiungere una diagnosi certa di sindrome da apnee ostruttive nel sonno sono di due tipi. Il primo è la polisonnografia e consiste nel dolore la persona di un piccolo dispositivo che registra tutto quanto accade nel corso della notte. Un altro è l’endoscopia, che permette di osservare dall’interno le prime vie aeree.

La riduzione del peso, ottenuta tramite dieta ipocalorica o chirurgicamente a seconda della gravità della situazione è un trattamento indicato soprattutto per le persone obese. La seconda opzione, la terapia ventilatoria, la cosidetta CPAP, si basa sull’uso di un’apparecchiatura che durante la notte, attraverso una mascherina, a ogni respiro fornisce un piccolo quantitativo di aria a pressione, evitando così russamento e apnee. La terza possibilità è quella degli apparecchi dentistici che portano in avanti la mandibola, spostando di conseguenza anche la lingua e liberando le vie aeree.

Infine c’è la possibilità di intervenire chirurgicamente. Gli interventi sono tutti accomunati da una finalità: aumentare lo spazio respiratorio nel tratto che va dal naso alla laringe rimodellando la parte dove si verifica l’ostruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>