Attenzione alle zecche: dove si prendono, le malattie e i sintomi

di Mariella Commenta

 Anche se sono poche le specie di zecche infettate e non si incontrano così facilmente dappertutto è bene sapere che se si viene punti, si può correre un grave pericolo. Cominciamo con il dire che le zecche non cadono assolutamente dagli alberi, come ancora suppongono molti. Vivono nelle vicinanze del suolo, si annidano su erbe, arbusti e nelle radici legnose. Le zecche pungono mammiferi, come ad esempio cervi, volpi, ratti e ne succhiano il sangue. Ma non disdegnano neanche il sangue umano. Se ne può venire in contatto sul limite dei viottoli, nei prati, ma anche in giardini e parchi.

In che modo le zecche possono trasmettere malattie?
Le zecche di per sé sono innocue. Tuttavia contengono spesso tutta una serie di virus e batteri, che possono trasmettere quando si attaccano alla pelle per succhiare il sangue. Una puntura spesso non si nota, dato che la saliva dell’animale contiene delle sostanze anestetizzanti.

Quali malattie possono trasmettere le zecche?
Le zecche trasmettono soprattutto la borreliosi e una forma d’encefalite da morso di zecca. La borreliosi viene provocata da un batterio, l’encefalite da un virus. Entrambe le infezioni possono portare all’infiammazione delle meningi, del cervello, dei nervi e del midollo spinale. Le infiammazioni dei nervi possono causare paralisi che nei casi più gravi può riguardare tutto il corpo. Nel caso dell’encefalite i danni possono essere permanenti e anche in caso di decorsi non gravi può accadere che dopo la malattia si abbiano occasionali alterazioni della personalità. Un paziente su cento muore per l’encefalite. Nel caso della borreliosi possono comparire anche malattie articolari, della pelle e del cuore.

Quali sono i segnali delle malattie da morsodi zeccha?
L’encefalite comincia spesso come un’influenza, con febbre, mal di testa e dolori alle membra. Tuttavia poiché le punture delle zecche passano il più delle volte inosservate è bene informare il medico di eventuali attività all’aperto (ad esempio trekking, gite in bici).

Borelliosi: un arrossamento della pelle (eritema migrante) di forma circolare attorno alla zona della puntura, che tende ad allargarsi, può essere il segno di una borreliosi, anche se non compare sempre. Se vi accorgete di avere un’irritazione del genere, consultate immediatamente il medico, che stabilirà il provvedimento da adottare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>