Oro contro il cancro: aggredire i tumori senza danneggiare i tessuti

di Mariella Commenta

 Si tratta di una fra le tante nuove applicazioni della fototonica e di uno dei nuovi progetti finanziati dalla Comunità Europea. Un nuovo approccio per combattere il cancro, distruggendo le celle tumorali mediante nanosfere di oro. Gli scienziati possono attaccare a sferette d’oro con diametro 50 nanometri (1 nanometro è un milionesimo di millimetro e, per dare un’idea, circa 80 mila volta più piccolo del diametro di un capello umano) delle catene di molecole progettate per attaccarsi a cellule tumorali.

Iniettate in vicinanza di un tumore, le nanosfere vanno ad incollarsi alle cellule tumorali; illuminando la zona tumorale con luce infrarossa, le nanosfere assorbono questa radiazione, riscaldandosi rapidamente e distruggendo così le cellule tumorali vicine. Il riscaldamento avviene solo in un’area molto ristretta e quindi il trattamento non danneggia le cellule sane.

Sono in corso negli Stati Unici test sugli animali, ma la procedura è studiata anche presso il laboratorio dell’Istituto di fisica applicata del Cnr nel polo scientifico di Sesto Fiorentino dove si stanno mettendo a punto nuove tecniche per la sintesi di nanosfere e nano tubi d’oro e per lo sviluppo di sistemi laser che, basandosi su effetti foto acustici, possono permettere sia la diagnosi sia la terapia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>