Il decalogo del corpo perfetto: le nuove tendenze della bellezza

di Mariella Commenta

Il sogno di sempre più persone è avere un corpo perfetto, per questo si sfiancano in attività fisica, curano molto l’ alimentazione e danno il via libera a chirurgia e medicina estetica. Una necessità ancora più impellente in questo periodo di caldo in cui i bicipiti, glutei e pancia piatta la fanno da padroni sia in città che in vacanza, i corpi sono in primo piano. Con il passare degli anni, però, i canoni della bellezza sono cambiati.

La bellezza assoluta non esiste e soprattutto, non esiste una sola bellezza per tutte. Ognuno deve capire quello che è meglio per sé, rispettando il principio di armonia delle forme e di proporzioni. Proprio questa, dopo anni di volti tirati o sfigurati dalla chirurgia plastica, sembra essere la nuova tendenza del settore, come emerge da questo decalogo della bellezza.

Al primo posto gli occhi, le nuove regole sono sono più aggressive, oggi la regola è ridare volume e riportare le rotondità tipiche della giovinezza. Per questo non bisogna esagerare con le blefaroplastiche: nella maggior parte dei casi un lipofilling e il riposizionamento del sopracciglio possono dare risultati sorprendenti.

Secondo, la bocca, la parte sensuale del viso, basta con labbra deformate e gonfie, la nuova tendenza è la bonificazione con il proprio tessuto adiposo o acido ialuronico puro. Basta filler che danno un aspetto innaturale.

Al terzo posto il naso, che non solo deve essere in armonia con il viso, ma deve soprattutto mantenere una buona funzione. Stop quindi alle rinoplastiche aggressive che omologano i nasi e spesso ne compromettono la funzione.

Quattro, il seno, simbolo della femminilità che non deve essere sfacciato e volgare, oggi grazie a protesi sempre più su misura con forme naturali e soprattutto grazie ai nuovi filler a base di acido ialuronico e l’ utilizzo del proprio tessuto adiposo per tonificare e rimodellare senza stravolgere.

Al quinto posto, per i maschi, c’ è l’ addome. Ogni uomo sogna un addome piatto con addominali scolpiti, soprattutto per la prova costume. Inutile correre ai ripari nell’ ultimo mese quando durante l’ inverno non si è fatto esercizio, anche se la liposcultura può aiutare a togliere quel filo di grasso che ricopre gli addominali e togliere le odiate manigliette sui fianchi.

Sesto, i fianchi, punto critico per le donne, oggi si può modellarli non solo con la liposcultura: tecniche soft quali l’ idrolipoclasia ultrasonica, la laserlipolisi possono aiutare a ridefinire fianchi non troppo abbondanti.

Al settimo posto il cosiddetto lato B, la parte più sensuale della donna e, perché no, anche delluomo, che oggi è possibile modellare con trattamenti semplici e sicuri, grazie ai nuovi acidi ialuronici per il corpo, per i più fortunati che hanno anche qualche accumulo di grasso da eliminare si può realizzare il sogno di toglierlo dove non piace e metterlo proprio lì, nel lato B.

Otto, le gambe: per la loro bellezza e salute il must è l’ attività fisica regolare che, migliorando tono e circolazione, conferisce un aspetto sano e bello delle gambe.

Nove, i polpacci: anche qui l’ esercizio è la migliore cura di bellezza, ma per chi è afflitto da polpacci troppo piccoli (difficili da correggere anche con l’ esercizio), il nuovo acido ialuronico per il corpo può aiutare a modellare questa parte della gamba.

Last but non least, al decimo posto ci sono le braccia. La perdita di tono in questa zona mette in difficoltà qualche donna alla prova degli abiti senza maniche. Le nuove radiofrequenze associate all’utilizzo di acido ialuronico possono aiutare a tonificare prima di arrivare al vero e proprio lifting chirurgico di braccio che va riservato solo ai casi più gravi per le lunghe cicatrici che lascia.

Alessandro Gennai
Laureato con lode nel 1988 in Medicina e Chirurgia all’ Università degli studi di Modena.
Lo studio si trova in via delle Lame a Bologna – (www.gennaichirurgia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>