Cristalloterapia: l’ alternativa non invasiva dei cristalli per curare disfunzioni o malesseri

di Mariella Commenta

 La Cristalloterapia è un’ affascinante pratica curativa, non invasiva, una medicina alternativa che vuole eliminare disfunzioni o malesseri collocando alcuni cristalli, pietre e minerali con proprietà benefiche in determinati parti del corpo.

I sostenitori della Cristalloterapia sostengono il corpo possiede un campo magnetico con cui i minerali, dotati di un campo energetico vibrazionale proprio e grazie alle loro caratteristiche fisiche, possono interagire. L’ effetto positivo dei cristalli sull’ organismo è riscontrabile sul piano fisico, emotivo, mentale e spirituale, potenziando l’ equilibrio e l’ armonia. L’ efficacia della Cristalloterapia si basa anche sull’ intuito e sulle sensazioni ed emozioni ricevuto dal contatto con i minerali.

Già dall’ antichità si credeva nelle proprietà benefiche della Cristalloterapia, le pietre viste come mezzo di guarigione o miglioramento dello stato psicofisico dell’ individuo, prevalentemente si credeva che i cristalli respingessero le entità malefiche, è il caso dell’ India antica, gli Egiziani ricoprivano la sommità delle piramidi per attrarre le forze celesti.

Gli influssi terapeutici non sono uguali per tutti i minerali, nella Cristalloterapia ogni cristallo ha un suo preciso influsso, specifico per ciascuna patologia, lo insegnano le civiltà Maya, Azteca, gli indiani d’ America si tramandano pratiche curative basate sull’ impiego di pietre. Successivamente, la Cristalloterapia è stata inserita nel settore delle terapie naturali, riscoperta negli anni ’80 con il boom della New Age.

Come si applica la Cristalloterapia
L’ utilizzo terapeutico avviene in svariati modi.
– Terapia per contatto: uno specialista tiene la pietra in mano e la passa sulle parti del corpo da trattare;
– Indossati per un determinato periodo fino ad ottenere l’ effetto desiderato, sottoforma di oggetto da tenere in tasca, ciondolo, anelli bracciali o collane:
– Meditazione: indossando il cristallo, in gruppo o da soli, concentrandosi sul disturbo, al fine di ristabilire l’ armonia dell’ animo;
– Assunzione orale, SOTTO ESCLUSIVO PARERE DEL MEDICO, sotto forma di polveri finissime del minerale in una caraffa o bicchiere, bevendolo l’ indomani per dare possibilità all’ acqua di sprigionare le sue energie.

Benefici della Cristalloterapia
I benefici sono molti va, comunque, detto che gli effetti di ogni cristallo è soggettivo, varia da persona a persona, tra le pietri e i cristalli più rappresentativi si trovano i quarzi, l’ acquamarina e la malachite, i colori, la struttura interna e la classe cui appartengono i minerali sono considerati fondamentali ai fini terapici, in quanto elementi affini ai caratteri umani e alle varie problematiche di salute. La condizione essenziale per la Cristalloterapia è che la pietra sia di origine naturale e non trattata chimicamente o colorata artificialmente.

insonnia: malachite, scioglie le tensioni trasmettendo calma e serenità;
donne in gravidanza: fluorite trasferisce le “energie benefiche” dalla madre al figlio;
disturbi al fegato: diaspro tigrato e leopardato allevia i dolori epatici;
ansia: agata di Botswana far cessare il panico;
relax: la sodalite per conciliare il sonno e rilassare corpo e mente;
mal di testa: ametista contro le emicranie;

Considerata una medicina alternativa la Cristalloterapia non ha controindicazioni ma neanche un fondamento scientifico, l’ unico pericolo è che i pazienti che soffrono di determinate patologie trascuri la medicina tradizionale, di comprovata efficacia, per affidarsi a terapie alternative.

La Cristalloterapia, comunqe, si occupa principalmente del mantenimento del benessere generale della persona, anche se ogni pietra o cristallo risulta essere curativo di specifici squilibri corporeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>