Invecchiamento e alimentazione: meno calorie nella dieta fanno ringiovanire

di Mariella Commenta

Una sforbiciata alle calorie per vivere più a lungo e rallentare il temuto invecchiamento. La ‘cura’, senz’altro invisa ai golosi, potrebbe rivelarsi un vero e proprio elisir di lunga vita. Sulle scimmie, per lo meno, il rimedio sembra funzionare. Nello studio condotto dal Wisconsin National Primate Research Center e durato ben 20 anni, i primati a stecchetto sono vissuti il 20% in più con una riduzione delle calorie del 30%. Che, tradotto per noi uomini, equivarrebbe più o meno a sei anni di vita guadagnati. Ma la ricerca, pubblicata sulla rivista Science, fa suo un imperativo: tagliare sì, ma mantenendo una dieta controllata ed equilibrata, ricca di tutte le proprietà nutritive indispensabili all’organismo.

MENO CALORIE, MENO MALATTIE LETALI
Così facendo, per lo meno nelle scimmie, la vita si allunga, e scendono di ben tre volte le possibilità di morire di diabete, cancro, malattie cardiovascolari e atrofia cerebrali, ovvero i grandi big killer in cui ci si imbatte più facilmente con l’ andare degli anni.

LA RICERCA
La ricerca, coordinata da Richard Weindruch, è stata condotta su macachi Rhesus tra i 7 e i 14 anni d’ età divise in due gruppi: uno di controllo, l’ altro messo letteralmente a dieta con una riduzione graduale dell’ apporto calorico, fino ad arrivare, nell’ arco di appena tre mesi, a un taglio del 30% delle calorie ingurgitate. Ebbene, gli animali a stecchetto sono vissuti più a lungo. Al termine della sperimentazione, infatti, il 37% dei macachi del gruppo di controllo era morto, mentre nell’ altro era passato a ‘miglior vita’ solo il 13%. Gli animali sono stati a questo punto sottoposti ad autopsia. Così gli studiosi hanno potuto osservare che il cervello di quelli messi a dieta era oltretutto meno provato dai segni del tempo.

In particolare, alcune aree cerebrali responsabili del controllo motorio, della memoria e della capacità di risoluzione dei problemi, apparivano in condizioni migliori rispetto a quelle del gruppo di controllo.

SARA’ VERO ANCHE PER L’ UOMO?
Non possiamo ancora far nostra l’affermazione che mettersi a stecchetto allunga la vita e preserva il cervello perché è necessario condurre ulteriori studi, alcuni già in corso, per confermare che gli stessi risultati valgono anche per l’ uomo – precisa Sterling Johnson, co-autore della ricerca – ma le evidenze finora raccolte sembrano muoversi tutte in questa direzione“. Mangiare meno per vivere di più e in salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>