Sport: i benefici della canoa, uno sport completo per coordinamento, articolazioni e tonificazione dei muscoli

di Mariella 3

 La bella stagione è ormai iniziata e, con essa, riprende con più foga la pratica di quegli sport che possono essere effettuati al mare o al lago. Uno degli sport acquatici più amati è la canoa, uno sport che consente di passare tempo immersi nel silenzio e nella quiete di luoghi meravigliosi e di appagare chi la pratica con la vista “al rallentatore” dei luoghi che si attraversano. La canoa è infatti uno sport silenzioso ed uno sport “lento”, ma che – proprio per questo – appaga completamente i sensi e dona un senso di relax e distensione come pochi altri sport sanno fare. In più, a differenza di quanto si crede, la canoa è anche uno sport completo, molto adatto anche ai bambini, dagli otto anni d’ età in su.
Molti sono infatti i miti da sfatare sulla canoa: il primo grande beneficio di questo sport è costituito dal fatto che lo si pratica all’ aria aperta, estate e inverno, abituando così il fisico a reagire di fronte ai malanni tipici di chi vive in gran parte della giornata al chiuso ed è costretto a vita sedentaria. In secondo luogo, è fondamentale l’ambiente in cui si lo svolge, vale a dire in mezzo al verde e nel silenzio, in condizioni perciò di estrema distensione. Infine, il movimento che il canoista compie pagaiando interessa tutta la muscolatura del corpo, gambe comprese.

Ma vediamo meglio quali sono i vantaggi offerti da questo sport…

BENEFICI FISIOLOGICI DELLO SPORT DELLA CANOA
Sono ancora poco noti i benefici bio-psichici del pagaiare sul Kayak o Canoa turisticamente parlando. La canoa è uno sport tra i più completi, adatto a bambini, adulti, anziani e diversamente abili. Ovviamente, seguendo un corso e seguiti da un istruttore motivato, ci si mette al riparo da difetti di postura o di esecuzione di tecniche di navigazione che possono causare strappi muscolari, tendinite o lussazioni alla spalla.
Grazie ai movimenti della canoa, infatti, i muscoli del busto, delle braccia, le articolazioni e i relativi tendini, attivano una stimolazione fisiologica positiva: ne beneficiano la respirazione e di conseguenza l’ attività cardiaca e non va sottovalutato l’ aspetto del rilassamento psicologico e un senso di unità spirituale con la natura. Se ben effettuati, i movimenti del pagaiare consentono di sostenere al meglio l’ apparato scheletrico. Il cuore e la respirazione si coordinano in modo ottimale per rifornire di ossigeno i muscoli e questo stimola una sana bradicardia che caratterizza una buona salute fisica. Infine, pagaiare riduce l’ insorgenza di patologie quali malattie cardiache, stress, diabete e ipertensione arteriosa.
Infine, per chi ha un po’ di grasso da smaltire, questa attività favorisce la perdita del peso in funzione del tempo e dell’ intensità con cui si pagaia. Il metabolismo risente dei benefici anche dopo l’ attività: la massa corporea magra aumenta rispetto quella grassa.
Infine, non tutti sanno che la canoa si integra perfettamente con la pratica dello yoga: alcune delle asanas (le posizioni) dell’ Hata Yoga, si adattano alla pratica del kayak e ne favoriscono la pratica una volta in acqua.

BENEFICI PSICHICI DELLO SPOERT DELLA CANOA
Andare in canoa o in kayak significa spesso allontanarsi dal caos e dalla folla per immergersi in un contesto naturale. Questo riduce si diceva lo stress e crea un senso di rilassamento. La canoa turistica non agonistica abbraccia l’ottica del downshifiting, un termine coniato dallo svedese Jorrgen Larsson che prevede un cambiamento di mentalità: dalla velocità del vivere secondo il detto “il tempo è denaro” si passa cioè ad uno stile di vita che semplifica, lavorando meno e guadagnando meno, ma con una qualità di vita migliore per dedicare più tempo a se stessi e alle relazioni con gli altri.
In Italia l’ associazione Vivere con lentezza porta avanti questi principi e conta ad oggi 40 mila iscritti. Non si tratta di non fare ma fare con calma, un affrettarsi lentamente: per almeno 150 anni il ritmo del mondo è stato in costante accelerazione; nell’ultimo decennio, però, siamo entrati in una fase di riflusso: la velocità ha cominciato a procurarci più danni che benefici. Proprio in quest’ ottica la canoa rientra perfettamente nella filosofia del fare lentamente, anche lo sport, senza nulla togliere ai benefici che porta all’ organismo.

LA CANOA PER I BAMBINI
I fisioterapisti consigliano la canoa dagli 8 anni in su, quando i bambini sanno coordinare i movimenti. La canoa è perfetta per loro perché è uno sport completo perché stimola la mobilità delle articolazioni, rinforza i muscoli tonici che sostengono lo scheletro nella fase dello sviluppo, migliora circolazione e respirazione. In più, pagaiare in silenzio in mezzo alla natura è un vero toccasana per i bambini che, ogni giorno, sono soggetti a mille stimoli: pagaiando su un fiume o sul lago, imparano a stare soli con i loro pensieri, a misurare i limiti, a sentire la fatica e a superarla. E, poi, si abituano a prendersi cura dell’ attrezzatura, perché la canoa, a differenza della sacca da calcio, non si può buttare in un angolo: va amata.

E allora, provate a uscire dalla palestra e a provare uno sport che possa unirvi alla natura, al silenzio ai vostri pensieri… buona pagaiata a tutti!

Commenti (3)

  1. Sono un’atletta del Circolo Nautico Terramaini che è a Cagliari Sardegna e vorrei avere una dieta completa per la Canoa cosi posso allenarmi molto bene se mi potete darmi una dieta precisa per la Canoa.

  2. vorrei dimagrire con una dieta specifica per la canoa e quindi vorrei sapere qualcosa e se mi potete farmi sapere entro la settimana da lunedì in poi anche la mattina.

  3. vorrei regalare una canoa ai miei nipoti di10 e 11 anni .Potete consigliarmi quale scegliere , considerando anche che verrà usata in mare (abitano a Palermo ) ?

    grazie

    Marisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>